A- A+
PugliaItalia
La Puglia ricorre contro il sì alle ricerche petrolifere

La Regione Puglia impugnerà i provvedimenti di VIA che autorizzano prospezioni petrolifere della Global Petroleum nelle acque a 12 miglia dai litorali da Vieste a Brindisi.  Il presidente Michele Emiliano ha incontrato oggi i comitati ambientalisti pugliesi, confermando di avere in progetto "ogni azione utile a tutela del nostro mare e della nostra identità territoriale". È quello che ci aspettavamo e che abbiamo sollecitato.

Apprezzo la determinazione con cui il presidente della Regione continua la battaglia contro le trivelle e apprezzo l'impegno delle Associazioni ambientaliste, nella loro azione incessante a difesa dei nostri mari e delle grandi risorse economiche (il turismo, la balneazione, la pesca….) che rischiano di essere cancellate per qualche barile di catrame scadente.

Voglio citare tutte le Associazioni che hanno partecipato all'incontro e che si battono per la causa della "bellezza" di acque, spiagge, coste:  Rete No triv Gargano, Comitato No Petrolio Sì Energie Rinnovabili, Legambiente Puglia, WWF Puglia, Fare Ambiente Foggia, ABAP Puglia, Comitato per la Tutela del mare del Gargano. A loro un sincero "grazie".

Tags:
pugliaricerche petroliferemichele emiliano
i blog di affari
Cartelle esattoriali: quali anni d’imposta può chiedere il Fisco?
Dalla pandemia alla Nato, il doppiopesimo egocentrico della Svezia
Di Massimo Puricelli*
Giustizia civile: ok celerità ma attenzione ai diritti fondamentali
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.