A- A+
PugliaItalia
Latronico e l'Osservatorio IT del Distretto Produttivo Informatica pugliese

Quante sono le aziende del settore IT in Puglia e in quali ambiti sono specializzate? Quanti lavoratori impiegano e di quale nuova forza lavoro hanno bisogno? Qual è la domanda di prodotti e servizi software di aziende e pubbliche amministrazioni? Quali sono i profili professionali necessari all’industria IT e quanti ne riesce a sviluppare il sistema della formazione? Per la prima volta in Puglia si avvia uno studio scientifico sul settore dell’Information Technology, per ottenere dati utili aelaborare politiche industriali e del lavoro e da portare ai tavoli dell’Agenda Digitale e dIndustria 4.0.

IT3
 

L’Osservatorio IT’, promosso dal Distretto Produttivo dell’Informatica pugliese e dalle università della Regione, è stato presentato oggi in Confindustria Bari e Bat dal presidente del Distretto Salvatore Latronico e dai rappresentanti delle università pugliesi.

Due le ricerche che partiranno subito, oltre alla mappatura delle aziende aderenti al Distretto e della loro offerta di prodotti e servizicon la prima s’intende quantificare e qualificare il profilo dei giovani che ogni anno ottengono un titolo di studio in discipline informatiche, allo scopo di dare una risposta alla crescente richiesta di risorse umane in ambito informatico proveniente da aziende e pubbliche amministrazioni, anch’esse oggetto di indagine. L’altra indagine analizzerà a livello qualitativo e quantitativo la domanda espressa e latente di tecnologie, prodotti e servizi IT da parte del sistema produttivo regionale e la dimensione e qualità dell’offerta di tecnologie e prodotti e servizi IT da parte del sistema delle imprese e della ricerca.

Salvatore Latronico, ceo   Openwork (4)(1)
 

"L’Osservatorio risponde a un bisogno di informazioni delle imprese IT e degli Atenei pugliesi - ha spiegato il presidente del Distretto Salvatore Latronico - assolutamente necessario per sviluppare strategie in funzione del territorio e cocontributo del territorio. Crediamo che le attività dell’Osservatorio possano servire a qualificare l’intero settore IT, a valorizzare le eccellenze e le specializzazioni di cui la Puglia è ricca, a disegnare azioni di sistema strategiche per un settore ormai trasversale a tutte le attività economicheL’Osservatorio è una tappa importante di un percorso che il Distretto sta condividendo con tutti gli attori economici con le istituzioni regionalitra cui l’Assessorato regionale allo Sviluppo Economico, Innovapuglia e ARTI, affinché la nostra regione possa affrontare in maniera strategica le sfide del digitale".

OTR Antonio Uricchio (UniBa)
 

"Questa collaborazione tra il Distretto e le università - ha aggiunto il rettore dell’Università di Bari Antonio Felice Uricchio - consentirà di avere un focus permanente sulla condizione dell’innovazione in campo informatico nella nostra regione e a noi permetterà di avere una maggiore conoscenza dei nostri laureati, delle loro qualità e delle loro prospettive di inserimento nel mercato del lavoro. Si tratta di una sinergia particolarmente importante che potrà essere incanalata sempre meglio nell’industria 4.0, che costituisce una prospettiva di sviluppo forte per il sistema produttivo regionale pugliese"

IT Zara Vincenzo
 

"Solo attraverso la conoscenza - ha spiegato il rettore dell’Università del Salento Vincenzo Zara è possibile realizzare una vera sinergia tra il mondo delle imprese e il mondo della formazione, dell’Università e della ricerca scientifica: ecco perché la costituzione dell’Osservatorio del Distretto produttivo dell’Informatica, con il compito di studiare e monitorare questo settore strategico dell’economia della Puglia, rappresenta un avvenimento molto importante sia per le imprese che operano nel settore informatico, sia per le università pugliesi, sia per lo sviluppo stesso della nostra regione". 

IT Ficarelli Loredana
 

"La nostra collaborazione col Distretto - ha detto il prorettore del Politecnico di Bari Loredana Ficarelli - è già attiva da tempo e ora continua e si rafforza: siamo pronti e disponibili con i nostri sistemi, le nostre attrezzature e il nostro know – how. Nel mondo dell’IT il Politecnico di Bari ha un ruolo abbastanza trainante perché ha tutte le competenze scientifiche e che riguardano l’informatica, un settore cardine dell’industria 4.0".

"In Puglia c’è un contesto particolarmente dinamico e speriamo che nei prossimi anni riusciremo a essere sempre più di supporto a iniziative come questa. L’industria 4.0 - ha aggiunto il responsabile scientifico dell’Università di Foggia Alessandro Muscio - è ormai alle porte, fortunatamente la Puglia è in un’ottima posizione in questa strategia nazionale e l’informatica è uno dei pilastri. Ci auguriamo che con il contributo dell’attività di ricerca e di formazione riusciremo a cogliere questa nuova occasione di sviluppo che potrebbe essere molto importante per la Puglia».  

Nelle ricerche verranno coinvolte le associazioni datoriali già socie del Distretto (Confindustria, Confartigianato, ConfapiConfcoopertative), la Regione Puglia, le agenzie regionali, le Camere di Commercio e organismi privati. I risultati dell’Osservatorio, sotto forma di report, saranno resi disponibili in un database aperto e pubblicati secondo un protocollo che li renderà integrabili e interscambiabili, favorendo così la comunicazione tra le fonti

IT1
 

L’Osservatorio sarà composto da un Comitato di indirizzo strategico che ha lo scopo di elaborare le linee lungo le quali si svilupperanno le analisiun gruppo di gestione impegnato nella definizione operativa delle attività di ricerca e, infine, un gruppo di esperti informatici, statistici, economisti e umanisti che lavoreranno per definire metodologie, protocollo e software di interscambio per automatizzare l’importazione dei dati,analizzarli e pubblicare report periodici.

L’Osservatorio IT è uno dei progetti previsti dal piano di sviluppo 2016 – 2019 del Distretto presentato lo scorso giugno. Da allora sono stati attivati incontri tra le PMI aderenti al Distretto e importanti player dell’IT al fine di accelerare lo sviluppo delle realtà imprenditoriali locali e promuovere nuove collaborazioni. È stato inoltre nominato un Comitato tecnico scientifico per supportare il lavoro del Direttivo nell’individuazione e implementazione dei progetti che vedranno impegnato il Distretto fino al 2019.

Il Distretto Produttivo dell’Informatica pugliese è stato avviato nel 2007 con l’emanazione della legge regionale pugliese sui Distretti Produttivi (l.23/07) e costituito il 30 novembre 2009. Al Distretto aderiscono circa 100 tra imprese pugliesi del settore IT, associazioni, consorzi, enti di ricerca e tutte le Università pugliesi per complessivi 4.000 addetti e 500 milioni di fatturato. Del Distretto fanno parte prevalentemente PMI, ma sono presenti anche aziende di dimensioni maggiori con sedi in Italia e all’estero.

(gelormini@affaritaliani.it)

 
Iscriviti alla newsletter
Tags:
salvatore latronico distretto produttivo informaticapuglia distretto informatica latronico
i blog di affari
Quirinale, il dopo Mattarella: a Palazzo Chigi serve Draghi o un suo affine
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
Il 25° brano dei Jalisse presentato al Festival di Sanremo 2022
CasaebottegaJalisse
Relazione extraconiugale, la mia amante sa che sono single. Rischio un reato?
di Avv. Francesca Albi*
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.