A- A+
PugliaItalia
Lavoro, grande fuga dal Sud Lettieri (DI): 'Un vuoto pneumatico'
Il quadro allarmante della fotografia scattata dall'Osservatorio Statistico dei Consulenti del Lavoro nel rapporto "Il lavoro dove c'è. Un'analisi degli spostamenti per motivi di lavoro negli anni della crisi", presenta un vero e proprio esodo dal Mezzogiorno d'Italia, che naturalmente non solo preoccupa gli analisti, ma provoca le reazioni degli operatori economici e della politica.
IMG 6381
 
 
Cancellati dall'anagrafe 500mila italiani e 300mila stranieri. Germania, Gran Bretagna e Francia le mete principali dell'esodo, ma c'è emigrazione di ritorno anche verso l'Est Europa. "L'Italia è un paese con opportunità molto diverse ed una situazione di disomogeneità interna che non ha pari in Europa", segnalano dall'Osservatorio: "Per questo motivo i cambi di residenza da una regione ad un'altra sono notevoli e frequenti".
 
Penalizzato soprattutto il Sud, mentre la Lombardia incrementa di oltre 100mila i suoi residenti tra il 2008 e il 2015, e la Campania ne perde 160mila. Competenze che si spostano, allargando sempre di più la forbice tra Nord e Sud.
              
crisi lavoro 02
 
“In soli 7 anni più di 380mila persone hanno dovuto lasciare una regione del Sud per trasferirsi in una del Centro-Nord del Paese, per poter lavorare", dichiara Luigi d'Ambrosio Lettieri (Direzione Italia). "Un vero e proprio esodo che, insieme al dato complessivo che registra il trasferimento all’estero di più di 500mila italiani sempre nello stesso periodo, scatta una fotografia inquietante della situazione italiana rispetto al resto d’Europa".
 
"Tale sconfortante situazione - aggiunge Lettieri - evidenziata ancor più dal rapporto dell'Osservatorio dei Consulenti del Lavoro meriterebbe attenzione, ma soprattutto interventi decisi, urgenti ed efficaci. Invece, tra lotte di potere e leggi elettorali, la scena politica teleguidata dal partito di maggioranza relativa, il Pd, è in tutt’altre faccende affaccendata".
 
"Il sud continua a morire. E il governo Gentiloni sta a guardare, esattamente come il suo predecessore Renzi", chiosa con amarezza d'Ambrosio Lettieri, "Sforna al massimo interventi legislativi del tutto inadeguati quando non funzionali al solo consenso contingente, senza incidere concretamente sullo sviluppo e la creazione di nuovi posti di lavoro. Un vuoto pneumatico che non ammette giustificazioni”.
 
(gelormini@affaritaliani.it)
Tags:
lavoro fuga sudluigi d'ambrosio lettierivuoto pneumatico
i blog di affari
Cartelle esattoriali: quali anni d’imposta può chiedere il Fisco?
Dalla pandemia alla Nato, il doppiopesimo egocentrico della Svezia
Di Massimo Puricelli*
Giustizia civile: ok celerità ma attenzione ai diritti fondamentali
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.