A- A+
PugliaItalia
Luciana Pice neo-presidente di Fenapro Bari/BAT

Luciana Pice, giovane imprenditrice barese, è la nuova presidentessa della Fenapro Bari/Bat, la Federazione che rappresenta il settore della profumeria nell’ambito della Confcommercio. Dopo la sua nomina, nei prossimi giorni, sarà la volta dei componenti del Consiglio direttivo.

Pice6
 

 

"Per uscire dalle secche della crisi sono convinta sia necessario innovare, sperimentare - dichiara a caldo Luciana Pice- titolare di San Nicola Officina dei Profumi e degli Odori - a maggior ragione in un settore come i profumi, in cui alla tradizionale attività commerciale si affianca un rapporto quasi intimo con la clientela, un po’ come avveniva in passato con il sarto di famiglia".

 

"Con un approccio professionale teso alla cultura olfattiva, all'arte del profumo, alla consapevolezza degli ingredienti naturali e chimici, che compongono le essenze",  precisa ancora Luciana Pice, nella nuova veste di presidentessa di Fenapro Bari/BAT Una strada, quella che intende intraprendere la neo-presidentessa, che parte anche dai corsi di formazione e aggiornamento, gli incontri a carattere culturale e scientifico, con eventi tutti aperti al territorio.

 

 

“Alla Pice, di cui ho avuto modo di apprezzare la grande passione per la nostra professione, non faremo mancare l’esperienza maturata con l’impegno nell’ambito dell’associazionismo”, aggiunge Mario Baccaro, presidente uscente di Fenapro Bari/Bat che, per l’occasione, sottolinea le principali problematiche del settore: “Ad una pressione fiscale insostenibile, unita ad un sempre più elevato costo della manodopera, si unisce la concorrenza di altri canali che ha generato una vera polverizzazione della distribuzione”.

 

Pice1jpg
 

Problematiche condivise da Michelangelo Liuni, barese presidente di Fenapro nazionale e nei giorni scorsi nominato vicepresidente europeo della Federazione europea di categoria: “Alla base di nuove politiche per la commercializzazione e lo studio dell’arte profumiera è necessaria una condivisione di intenti, che solo solide basi associazionistiche sono in grado di creare, per puntare a rafforzare quel valore aggiunto che è un vero e proprio servizio di consulenza al consumatore che punti sulla varietà e sulla qualità”.

 

A Luciana Pice sono giunte le congratulazioni di Sandro Ambrosi, presidente di Confcommercio Bari/Bat: “E’ indispensabile un lavoro di squadra delle Istituzioni, pubbliche e private, delle associazioni d’impresa e dei sindacati dei lavoratori. Non a caso da tempo Confcommercio ha continuato ad affiancare ai temi sindacali un numero crescente di servizi, dalla formazione, alla sicurezza, all’espletamento della burocrazia”.

 

Si avvicina la Primavera e i profumi di Puglia si diffondono nell'aria con i venti dolci e tiepidi del Mediterraneo, marcando il segno meridiano in un comparto da sempre presidiato dalle fragranze nobili del ventaglio floreale d'oltralpe o del lontano Oriente.

 

(gelormini@affaritaliani.it)

Tags:
luciana pice presidente fenapro bari bat profumieri confcommercioluciana pice mario baccaro profumi
i blog di affari
Reddito di cittadinanza, chi lo percepisce non ottiene l'assegno divorzile
di Francesca Albi*
FONDI PER ICT, CRISI, RETI CONTRO FURTI BENI CULTURALI, CONTRO OMOFOBIA
Boschiero Cinzia
Smettere di fumare: 5 step da seguire
Anna Capuano
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.