A- A+
PugliaItalia
M5S bacchetta Emiliano: 'Ingiustificati gli aumenti ai Direttori ASL'

 

Il Movimento 5 Stelle interviene duramente e chiede al Presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, di ritirare la delibera di Giunta, che aumenta gli stipendi dei direttori generali ASL, approvata - a lor dire "di soppiatto" - ma non ancora pubblicata. Il tema sta imperversando anche sul web, spinto da molti dipendenti stessi delle ASL che, sostengono; "Non raggiungono nemmeno il solo aumento previsto per i direttori, come loro retribuzione annua".

M%S ASL.jpg
 

“Non abbiamo assolutamente nulla contro gli aumenti di stipendio, purché questi per i direttori delle ASL così come per qualsiasi dirigente pubblico, siano legati al raggiungimento degli obiettivi", dichiarano gli otto consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle Rosa Barone, Gianluca Bozzetti, Cristian Casili, Mario Conca, Grazia Di Bari, Marco Galante, Antonella Laricchia e Antonio Trevisi, che aggiungono: "Chiediamo dunque al governatore di fornirci dati che giustifichino questi aumenti, sempre che gli sia possibile con un sistema sanitario allo sbando e liste d’attesa infinite per qualsiasi povero cittadino che abbia la necessità di farsi visitare".

"Se il problema legittimo è quello di ristabilire la corretta gerarchia di trattamento tra i Direttori Generali e i Dirigenti medici e veterinari del SSR, che naturalmente dovrebbero percepire di meno, si lasci invariato l’attuale stipendio dei DG, erogando a questi ultimi i premi già previsti dalla legge per il raggiungimento annuale degli obiettivi che, naturalmente, chiediamo vengano sempre relazionati e giustificati. In questo modo a trarre benefici sarebbero tutti i pugliesi". 
 

M5S Puglia
 

Per i cinquestelle si tratta di "Un vero e proprio colpo di mano da parte del Presidente/assessore Emiliano, che già in altre due occasioni aveva provato a far approvare lo stesso provvedimento: una prima volta in aula, durante la discussione della legge sul Bilancio ed una seconda in Commissione Sanità. Entrambe le volte il provvedimento era stato bloccato grazie all’intervento del M5S. Questa terza volta Emiliano ha preferito bypassare la discussione approvando il provvedimento direttamente in Giunta".

“Emiliano aveva comunicato in campagna elettorale ai suoi elettori di questa sua intenzione, di aumentare di 40.000 euro gli stipendi dei direttori generali delle ASL pugliesi - incalzano i pentastellati - Dirigenti che dunque, se percepissero i premi stabiliti nella misura del 20%, potrebbero arrivare a guadagnare oltre 150.000€ annui. Non possiamo non sottolineare come si sia tentato di approvare un provvedimento del genere, talmente di nascosto e in fretta e furia, da non trovarne traccia alcuna nemmeno nel resoconto del comunicato di Giunta. Dal momento che questa delibera non è stato ancora nemmeno pubblicata tra le delibere di Giunta - concludono - ne chiediamo l’immediato ritiro". ​

(gelormini@affaritaliani.it)

Tags:
m5s aumenti direttori asl ingiustificatimichele emilianoregione puglia sanità sbando
Loading...
i blog di affari
Laurea bruciando i tempi? Prima bisogna risvegliare la passione per la cultura
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Vaccini, benefici sempre superiori alle conseguenze: siamo così sicuri?
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Separazione, divorzio e diritto di visita ai figli coi nuovi partner
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.