A- A+
PugliaItalia
Melini - Meloni denunciano l'intesa col nemico di FI

Giorgia Meloni a Roma e Irma Melini in Puglia, anche se non l'hanno concordato, sono saldamente sintonizzate nel denunciare "l'intesa col nemico di FI", emersa con evidenza "imbarazzante" nella tornata elettorale di domenica scorsa, confermando i sospetti che da più parti si erano levati dopo le contraddittorie scelte seguite alle indicazioni perentorie di Silvio Berlusconi.

meloni berlusconi
 

Il deludente risultato portato a casa da Alfio Marchini, candidato su cui Forza Italia aveva deciso di puntare per la corsa al Campidoglio a Roma, ha rinforzato la reazione-denuncia di Giorgia Meloni: "Arrivare così vicino al ballottaggio e ad una possibile vittoria, è un p0' come perdere ai rigori la finale della Coppa del Mondo". 

"Abbiamo lisciato il miracolo", ha proseguito la leader di Fratelli d'Italia, "Abbiamo combattuto fino all’ultimo voto, la campagna è stata entusiasmante e, come dimostrano i dati, ci siamo battuti fino all’ultimo", in quello che è stato il cruento scontro interno al centrodestra.

E proprio sul difficile rapporto con FI in questa competizione amministrativa, Giorgia Meloni continua a non risparmiare colpi ai colleghi di centrodestra, puntando il dito sui vertici del partito e ribadendo come "La scelta di Forza Italia" risulti "ancora oggi incomprensibile. Secondo me hanno centrato l’obiettivo: ovvero aiutare il candidato di Renzi ad arrivare al ballottaggio e tenere in sella il presidente del Consiglio". 

"Berlusconi - ha quindi rincarato - nella migliore delle ipotesi ha perso di lucidità, e dico così per non dire che c’è dolo nella scelta, come tradirebbe una serie di indizi. Quando non sei lucido c’è poco che tu possa governare, non governi neanche il partito tuo".

meloni giachetti ape grande
 

A questo punto, sembra dire la Meloni, delle due una: O il Cavaliere è davvero al capolinea, o l'intesa col nemico è innegabile: "A Napoli non arrivano al ballottaggio, a Milano c’è un testa a testa, a Bologna il risultato è scarso, e se non avessero avuto l’aiuto di Berlusconi non ce l’avrebbero fatta neanche qui a Roma". In altre parole: ci si immagina cosa sarebbe accaduto se - oltre Napoli - anche a Roma il Partito Democratico fosse rimasto fuori dal ballottaggio?

Forza Italia Melini
 

Da Bari Irma Melini rincara la dose e punta la lente sulle realtà locali: "Visto che si dice che 'la curiosità è femmina' ho trascorso un'oretta ad analizzare i risultati dei 59 Comuni pugliesi andati al voto e dei Comuni Capoluogo in tutta Italia (questi ve li risparmio!)...con un occhio particolare proprio al mio ex partito, Forza Italia...diciamo a ciò che ne resta".

"Provincia di Foggia: 10 Comuni, nessuna lista di FI;
Provincia BAT: 3 Comuni, nessuna lista di FI;
Provincia di BARI: 8 Comuni, due sole liste di FI (Palo del Colle con 8,11% e Ruvo di puglia 8,05 %), nel primo caso non va neanche al ballottaggio;
Provincia di Taranto: 11 Comuni, di cui in 5 presenta la lista FI (Ginosa 12,82; Grottaglie 8,50; Laterza 6,80; Massafra 17,62; San giorgio 4,83), e in 2 neanche va al ballottaggio;
Provincia di Brindisi: 4 Comuni al voto di cui 2 con lista FI (a Brindisi con il 4% neanche al ballottaggio e a Fasano con il 9,59);
Provincia di Lecce: 23 Comuni al voto di cui solo a Gallipoli si presenta FI con il 4,94 resta fuori ballottaggio.

In totale su 59 comuni al voto vengono presentate liste di Partito Forza Italia solo in 10 Comuni..."

Melini Irma
 

"Normalmente, quando si perde così si dimettono i vertici del Partito - aggiunge la Melini - i noti Commissari regionali, provinciali e cittadini...in Forza Italia, però, non ci si dimette mai, ma ci si preoccupa di cacciare chi lavora (!)".

Quindi la chiosa. "In bocca al lupo agli amici che ho lasciato in quel Partito e che mi auguro possano presto scoprire il valore della libertà e del merito!"

L'asse Melini-Meloni, virtuale, casuale o concreto che sia, anima con determinazione il dibattito nel centrodestra. C'è da esser certi, che le reazioni non tarderanno ad arrivare, anche perchè la stessa Giorgia Meloni, supportata da Ignazio La Russa, ha già avvertito: "A questo punto, è inevitabile che cambiano i rapporti interni. Noi vogliamo guardare avanti, vogliamo ricostruire, e niente sarà più come prima. Stare insieme per forza non ci interessa".

(gelormini@affaritaliani.it)

 

 
Tags:
irma melini giorgia meloni forza italiairma melini giorgia meloni denuncianofi intesa nemico
i blog di affari
Separazione, padre assente da 20 anni: così i figli possono chiedere i danni
di Avv. Violante Di Falco *
Covid, per il siero benedetto denunciano i genitori. Così invocano la libertà
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Il Vaticano s'è svegliato. Ddl Zan figlio del nuovo ordine rifiuta i dissensi
L'OPINIONE di Diego Fusaro
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.