A- A+
PugliaItalia
Ospedali, il Sindaco Natalicchio "Si tagliano reparti produttivi”

Dopo l'accorata lettera di una madre a sostegno del reparto Pediatria dell'Ospedale di Ostuni e la drammatica lettera aperta di una chirurga pugliese al presidente Michele Emiliano, per sensibizzare lo "Stop ai tagli", mentre la gente muore in ambulanza, per mancanza di posti in ospedale, la nota congiunta del sindaco di Molfetta, Paola Natalicchio, e del sindaco di Corato, Massimo Mazzilli, che ritengono i loro nosocomo fortemente penalizzati dal Piano di riordino ospedaliero della Regione Puglia.

foto3 confza stampa sanità
 

Il lancio del FORUM, oltre a raccogliere segnalazioni e ragioni a difesa dei diversi presidi ospedialeri, vuole provare a toccare non solo le problematiche delle chiusure, ma anche quelle del funzionamento degli ospedali e del perché nonostante la Puglia abbia l'indice più critico nel rapporto posti letto/popolazione residente, è anche una delle regioni a "forte migrazione ospedaliera", ovvero tra quelle che affolla maggiormente gli ospedali terzi di Milano, Bologna, Firenze, Genova, Roma.....

Il FORUM vuole portare gli interventi non solo alla denuncia (tutti sono contrari alle chiusure), ma alla proposta riqualificante. Una proposta che - dalle colonne virtuali del giornale - segnalando le criticità, indichi meglio e in concreto gli indirizzi possibili di rilancio, sulla base delle esigenze dei territori e non sulle influenze dei politici o degli interessi professionali.
 
conferenzastampa ospedale
 

Le dichiarazioni del  sindaco di Molfetta, Paola Natalicchio nel corso della conferenza stampa convocata con il sindaco di Corato, Massimo Mazzilli, nell’area antistante l’ospedale “don Tonino Bello” di Molfetta.

“Sono stata in ospedale a portare la mia solidarietà ai medici che vivono con grande disorientamento quello che sta accadendo in queste ore”.

“Facciamo una battaglia contro questo piano di riordino con dati alla mano. Nel sud barese restano nei due ospedali di base di Monopoli e Putignano oltre 300 posti letto. Nel nord barese, con la chiusura a Terlizzi, negli ospedali di base di Corato e Molfetta ci saranno meno di 160 posti letto, la chiusura di reparti, il taglio altri posti e di ambulatori. A Molfetta passiamo da 107 posti a 76, perdiamo il reparto di cardiologia, urologia e l’ambulatorio di pediatria che negli ultimi mesi era stato rafforzato con una seconda pediatra. Questa è la prima cosa che deve spiegarci il presidente Michele Emiliano”.

Infografica ospedale
 

I dati sono riassunti in una infografica distribuita. “Gli interventi di chirurgia – spiega il sindaco Paola Natalicchio – sono stati 803 nel 2014 e 787 nel 2015. L’indice chirurgico, che indica l’appropriatezza dei casi trattati e la complessità/gravità delle patologie, per l’Unità Operativa di Chirurgia che si sta ridimensionando è stato il più alto tra gli ospedali della nostra Asl. Chiediamo che i dati del nostro ospedale non siano calcolati e ricompresi nell’hub del San Paolo, ma che vengano presi in cosiderazione esattamente quelli del nostro presidio, che nei reparti chirurgici ha una rapporto costo/ricavi produttivo. E invece si tagliano 8 posti letto e si elimina la cardiologia, fondamentale per interventi più complessi e per la funzionalità dello stesso pronto soccorso. Si chiude lo storico reparto di Urologia, anche questo con indici tra i più alti nell’ultimo anno, si smantella una equipe di medici, infermieri e operatori in favore di un reparto assente e tutto da costruire al San Paolo. Senza gli attuali reparti anche quelli che sono stati garantiti dal piano soffriranno, con il rischio di diventare presto improduttivi e finire nella prossima mannaia dei tagli, in cui a quel punto sarà chiuso tutto l’Ospedale”.

C’è infine la questione della pediatria e del punto nascita di Corato: “Chiude l’ambulatorio che eravamo riusciti a potenziare alcuni mesi fa e nell’ultimo anno aveva registrato 1200 accessi e effettuato 321 consulenze per il pronto soccorso. Chiude insieme alla UO di pediatria di Corato, da cui da tempo dipende. Cosa succederà ai bambini di Molfetta, Ruvo, Terlizzi, Giovinazzo? L’ambulatorio li segue per la pneumologia, le allergie, la dietologia. Con un afflusso importante e una consulenza pediatrica indispensabile al nostro pronto soccorso. Chiudendo anche la pediatria di Corato, insieme al punto nascita, i bambini di Molfetta dovranno dividersi tra i 10 posti letto di Bisceglie e i 12 del San Paolo di Bari. Senza poter più accedere allo SCAP (ambulatorio di consulenza pediatrica) di Bisceglie e senza nemmeno una OBI (Osservazione Breve Intensiva) pediatrica in zona. Non si garantisce così la sanità pubblica”.

“La battaglia sull’ospedale di Molfetta inizia adesso. E la faremo fino in fondo”, conclude il sindaco che presenterà un documento nel prossimo Consiglio Comunale.

(gelormini@affaritaliani.it)

---------------------------

Pubblicato in precedenza: Sanità pugliese, un coro: 'Caro Presidente...'

                                       Pediatria Ostuni, chiude? "Lettera di una madre..."

                                       Piano riordino, Gorgoni: 'Dovrà approvarlo il Ministero'


 

Tags:
ospedalinatalicchiosindacomolfettarepartiemilianosanitàpuglia
i blog di affari
Qua la zampa (nera)! Alla scoperta del miglior prosciutto del mondo
di Riccardo Succi
Covid, in autunno torneranno le restrizioni. E sarà caccia dei non vaccinati
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Sistemi di raccomandazione in retail ed education con aKite e SocialThingum
di Francesco Epifania
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.