A- A+
PugliaItalia
Petrolio in Adriatico Eni e la sponda Croazia

di Antonio V. Gelormini

La maledizione accidiosa d’accontentarsi dell’uovo oggi, rinunciando o trascurando la cura della gallina per domani, si rinnova e l’allargamento delle maglie di concessione per la ricerca di idrocarburi nell’Adriatico - approvato l’estate scorsa col decreto Sblocca Italia - trova sponda con la Croazia, che assegna le prime 10 aree (su 29 in programma) off-shore, in cui saranno consentite le perforazioni, lungo la frontiera con le acque territoriali italiane.

Eni presidente
 

Il maxi bando, su un'area di 12mila chilometri quadrati di mare davanti alle coste pugliesi e abruzzesi,  era stato al centro di un editoriale di Romano Prodi su Il Messaggero: "Le trivellazioni verranno effettuate lungo la linea di confine delle acque territoriali italiane. Come dire che gli eventuali rischi per l’ambiente ricadranno anche sull’Italia, mentre gli introiti delle concessioni finiranno nelle casse di Zagabria. Sono previsti investimenti da 2,5 miliardi di dollari nei prossimi cinque anni”.

E per provare ad addolcire la pillola una delle 10 concessioni è stata aggiudicata all’Eni (in gara col consorzio italo-britannico Eni-Medoilgas). Una sorta di prologo esortativo alla coerenza: che senso ha la resistenza, se a partecipare alle gare per le trivellazioni in Adriatico è la stessa prima azienda italiana? Dopotutto anche il ministro Federica Guidi, come quelli che l’hanno preceduta, continua a dichiarare di voler “Rilanciare le trivellazioni in mare, per arrivare ad una bolletta energetica più leggera e sostenibile”.

Le altre nove concessioni, ognuna delle quali si estende su un’area di 1000-1600 chilometri quadrati, sono state assegnate dal governo a guida Zoran Milanovic, al consorzio costituito dall’americana Marathon Oil e dall’austriaca Omv (sette), mentre due licenze sono andate alla società pubblica croata Ina e all’ungherese Mol.

(gelormini@affaritaliani.it)

Iscriviti alla newsletter
Tags:
enipetroliotrivellecroaziaadriaticoconcessioni
i blog di affari
Il New York Times minimizza l'omicidio del ricercatore italiano Davide Giri
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Italia 2^ in UE per abbandono universitario
Massimo De Donno
Super Green Pass, boom di disdette: la distruzione di economia e lavoro
L'OPINIONE di Diego Fusaro
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.