A- A+
PugliaItalia
Renzi, Patto per il Sud: La clava referendaria?

La sensazione da tempo diffusa che la querelle tra il Premier Renzi e il Governatore della Puglia, Michele Emiliano, non avesse trovato alcuna ricomposizione - nonostante l'annuncio dell'immininte firma al Patto per il Sud, annunciata in sedi diverse da entrambi i contendenti - comincia a vestire i panni scomodi della certezza, soprattutto visto il protrarsi dello "stallo", la "toccata e fuga" di Matteo Renzi in occasione del disastro ferroviario con 23 vittime sul binario unico Andria-Corato e l'esclusione dall'agenda politica quotidiana di ogni riferimento alla cosa.

Emiliano Renzi PD
 

Il timore, anch'esso abbastanza diffuso, è che l'argomento possa diventare - se non lo fosse già diventato - la clava refenderia da usare in autunno, in occasione del passaggio vitale per lo stesso Governo. Lo confermerebbe la tattica usata dal Premier che torna in Puglia ancora una volta - mai registrate tante visite da parte del Presidente del Consiglio, che vedremo se questa non mancherà l'appuntamento con l'apertura della Fiera del Levante - quasi come a voler "marcare a uomo" Michele Emiliano, togliendogli l'esclusiva del primo piano nelle occasioni ad alto indice politico-mediatico (e Taranto, infatti, non è caso di secondaria importanza).

IMG 8696
 

Si direbbe che il tutto venga confermato anche dai consiglieri regionali del gruppo Conservatori e Riformisti (Ignazio Zullo, Erio Congedo, Luigi Manca, Renato Perrini e Francesco Ventola), che accendono i riflettori sulla contesa tra i due leader del PD, convinti che essa stia provocando danni alla Puglia.

“Il premier Renzi, venerdì 29 luglio, a Taranto - recita una nota stilata dal gruppo - dopo aver inaugurato il Museo MarTa e incontrato, forse, gli operai dell’Ilva, troverà anche il tempo per andare a tenere una lezione alla Scuola di Politica del Partito democratico (Summer School FutureDem ), ma non troverà un minuto per firmare il Patto per la Puglia".

"Possiamo dirlo? Non ci meraviglia! E non dovrebbe meravigliare o far gridare allo scandalo neppure il presidente Emiliano", continua la nota. 'Chi semina vento raccoglie tempesta': questo è il risultato di una guerra aperta all'interno del Pd fra il presidente Renzi e il presidente Emiliano. Più volte abbiamo invitato quest'ultimo a recuperare un rapporto istituzionale con il premier perché la Puglia non fosse penalizzata, specie sul piano degli investimenti. Ma di giorno in giorno, invece, assistiamo a una querelle fra i due e che non sembra avere fine: che siano le Trivelle o la Tap o l'Ilva o la Xyella o il Refendum, temi fondamentali per la vita regionale, fin dall'inizio di questa legislatura lo scontro è andato in crescendo".

Emiliano Renzi scontro treni
 

"Emiliano, dimenticando di essere il presidente di tutti i pugliesi - aggiungono - ha confuso l'attività amministrativa con il confronto all'interno del Partito democratico e per contendere politicamente la leadership a Renzi rischia concretamente di buttare a mare gli interessi dei cittadini pugliesi che al contrario degli altri meridionali si ritrovano ad aver un governo nazionale di traverso".

"Sia chiaro - precisano i consiglieri CoR - non giustifichiamo il comportamento del premier, anche lui chiamato a non confondere la Puglia con una mega sezione del Pd guidata da Emiliano. Ricordiamo bene il suo impegno ufficialmente preso il 17 maggio scorso quando a Bari, in occasione della firma del Patto per la Città Metropolitana, promise di ritornare dopo due settimane per siglare quello per la Puglia. Da allora di settimane ne sono passate dieci!!!!"

"Ma siamo francamente stanchi di questo scontro tra ‘titani’ - concludono - per la contesa di un potere politico all’interno del Partito democratico che sta producendo danni incalcolabili alla Puglia. Renzi ed Emiliano non possono tenere sotto scacco una Regione, venendo entrambi meno a responsabilità istituzionali per il ruolo che ricoprono. Questo teatrino è durato fin troppo e venerdì non vorremmo assistere all'ennesima sceneggiata fra Renzi ed Emiliano!”.

(gelormini@affaritaliani.it)

Tags:
matteo renzi patto sud referendummatteo renzi michele emiliano patto sud referendum clavarenzi emiliano cor ignazio zullo firma
i blog di affari
Separazione, padre assente da 20 anni: così i figli possono chiedere i danni
di Avv. Violante Di Falco *
Covid, per il siero benedetto denunciano i genitori. Così invocano la libertà
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Il Vaticano s'è svegliato. Ddl Zan figlio del nuovo ordine rifiuta i dissensi
L'OPINIONE di Diego Fusaro
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.