A- A+
PugliaItalia
Ricordare perchè non accada mai più 'Primo Levi e il Sistema Periodico'

L'avvio alle celebrazioni del Comune di Bari dedicate alla Giornata della Memoria 2017 segnato dall'inaugurazione - presso il Museo Civico di Bari - la mostra “Primo Levi e il Sistema Periodico”.

Il percorso espositivo è stato illustrato in anteprima dall’assessore alle Culture, Silvio Maselli, del presidente dell'Accademia di Belle Arti di Bari, Ennio Triggiani, dalla titolare della cattedra di Illustrazione scientifica della stessa Accademia, Rosanna Pucciarelli, dal fotoreporter italo-inglese, Tony Rizzo, dalla vice presidente dell'Associazione nazionale scuola italiana (ANSI) Bari, Palmina Iusco e di Massimo Trotta dell’Istituto Processi Chimico Fisici CNR - Dipartimento di Chimica di Bari.

Levi Primo1
 

“Questa mostra vede la totale adesione del Comune di Bari - ha dichiarato Silvio Maselli - sia perché Primo Levi, con la sua parabola umana e letteraria, rappresenta uno dei giganti della cultura internazionale del ‘900, sia perché questa iniziativa è perfettamente coerente con la nostra idea di lavorare con la città attraverso stratificazioni successive di linguaggi ed espressioni artistiche differenti. Quest’opera di Levi emblematica proprio di questo: partendo dalla tavola periodica degli elementi l’autore arriva a traccaire metafore altissime dell’esperienza umana nel suo complesso. Voglio ringraziare tutti coloro i quali hanno deciso di partecipare a questa sfida. Il compito delle istituzioni è lavorare alla trasmissione del sapere tutto l’anno, tutti i giorni, in tutte le occasioni, e dunque vorrei che questo appuntamento rituale fosse l’inizio di un periodo di attenzione sui temi della memoria e che la memoria divenisse il filo con cui noi teniamo unita la nostra società".

"La memoria è inutile se non sa guardare al futuro, così come il futuro è inutile se non siamo in grado di costruire un ancoraggio forte con ciò che siamo stati", ha precisato Maselli, "Bari, nel corso dei secoli, è stata uno snodo fondamentale, un crocevia di storie, grandi e piccole, che spesso non abbiamo saputo raccontare e che dobbiamo essere in grado di rendere patrimonio comune. Ed è a questo che serve il nostro Museo civico, ad essere un punto di riferimento solido e certo della nostra comune storia”.

Levi Primo2
 

“La mostra è frutto della grande sinergia tra soggetti istituzionali e culturali - ha detto Ennio Triggiani - una rete fondamentale per dar vita a iniziative di qualità. Il nostro compito è far sì che la memoria si trasformi in memoria culturale, piena, che possa consentire di rileggere situazioni, storicamente definite, alla luce di realtà culturali importantissime. Il problema che la Shoah ci pone non è solo quello di riflettere su quanto è accaduto in termini di odio razziale che si è trasformato in sterminio, ma anche quello di essere in grado di leggere tendenze analoghe nel presente. Dobbiamo opporci con forza al diffondersi di vecchi e nuovi razzismi e, per farlo, non dobbiamo mai perdere di vista l’insegnamento della storia. Per questo la mostra Primo Levi e il Sistema Periodico è particolarmente significativa e l’Accademia, nel parteciparvi, ha offerto una ricchezza di competenze e di talenti, affrontando con i suoi docenti e studenti, in una dimensione del tutto originale, un tema delicato e complesso come l’Olocausto”.

“Primo Levi è un uomo che non ha bisogno di presentazioni - ha aggiunto Massimo Trotta - ma la sua esperienza culturale ha contorni che non tutti conoscono. La sua formazione scientifica è centrale per la sua intera percezione del mondo: in tanti momenti della sua opera fa trasparire il suo essere chimico ancor prima di dare qualsiasi altra definizione di se stesso. Il sistema oggettivo della tavola periodica gli serve a raccontare storie chimicamente pronte a reagire con il lettore, con il suo modo di vedere il mondo. I 21 capitoli del Sistema periodico sono una forma di lettura della realtà con i suoi orrori e la sua violenza ma anche con la storia personale di formazione dell’autore. Non a caso il Guardian ha scelto questo libro come il miglior testo di divulgazione scientifica nella storia della scienza, un libro che ha innumerevoli livelli di lettura, quelli che abbiamo cercato di mettere a fuoco nel percorso espositivo allestito in questo museo”.

In occasione dell'inaugurazione di venerdì 27 gennaio, l'esibizione della Compagnia teatrale Tavole Magiche nel recital “Questo è stato…” incentrato sulle tematiche della Shoah e più in generale sulle persecuzioni naziste con la lettura scenica di brani teatrali e poesie di vari autori con accompagnamento musicale e proiezioni di immagini. Voci recitanti: Franco Minervini, Elena Cascella, Marco Cusani, Roberto Ranieri; al violino Grazia Castagna; selezione testi e regia Franco Minervini.

Levi Primo4
 

LA MOSTRA

Quest’anno le celebrazioni si articoleranno seguendo un calendario di attività multidisciplinari in cui storia, letteratura, arte e chimica si fondono in un unico progetto che omaggia la figura di Primo Levi. Punto di partenza è la mostra di graphic novel “Primo Levi e il Sistema Periodico”, esposta e visitabile al Museo Civico di Bari dal 27 gennaio al 13 febbraio 2017.

“Il Sistema periodico” di Primo Levi fu edito nel 1975. Attraverso 21 novelle autobiografiche e di fantasia incentrate su alcuni elementi della tavola periodica, il chimico ha raccontato la sua vita prima, durante e dopo la guerra.

Partendo dall’analisi del testo, 26 artisti-studenti del biennio di Illustrazione Scientifica, sotto la guida della prof.ssa Rosa Anna Pucciarelli, supportati da Tony Rizzo (fotoreporter italo-inglese con radici israelite) e dal prof. Massimo Trotta (Ricercatore presso l’Istituto per i Processi Chimico-Fisici CNR, c/o Dipartimento di Chimica Università di Bari) hanno realizzato 63 graphic novel, proponendo ciascuno 3 tavole che reinterpretano artisticamente ogni novella, sotto forma di racconto, metafora, espressione soggettiva.

Bari Cattedrale
 

L’ESPERIENZA PER LE SCUOLE

Durante il periodo della mostra, il museo accoglierà ogni mattina gli alunni di scuole di primo e secondo grado di Bari e Provincia, che hanno accolto l’invito dell’ANSI Bari: IC Eleonora Duse, IC Falcone-Borsellino-plesso Cirielli, IC Garibaldi-plesso G. Pascoli, SS 1^ grado Massari-Galilei, IC N. Zingarelli, IISSC Colamonico-N. Chiarulli di Acquaviva delle Fonti, Convitto Nazionale D. CirilloLicei, ITC Lenoci, IISS Tommaso Fiore di Grumo Appula, IISS Tommaso Fiore di Modugno, IISS Panetti Pitagora.

Dopo la visita della mostra e un’introduzione su Primo Levi e sul periodo storico, gli studenti approfondiranno la conoscenza degli elementi della tavola periodica attraverso la dimostrazione di alcuni esperimenti chimici a cura degli studenti del Dipartimento di Chimica.

L’ANSI Bari da anni si occupa sul territorio locale di formazione e dell’approfondimento del tema della Shoah nelle scuole con convegni, concerti, mostre, concorsi dedicati agli studenti, rappresentazioni teatrali, realizzazione di pubblicazioni, ultima il calendario sulle religioni “E luce fu… 2017”, attraverso il format Giornata della Memoria. 

lampioni bari4
 

EVENTI COLLATERALI

Laboratori

Nell’arco delle due settimane, numerosi sono gli appuntamenti pomeridiani aperti a tutti i cittadini che si svolgeranno al museo civico Bari. Nei due weekend di febbraio saranno pianificati dei laboratori di fumetto per bambini e i ragazzi dai 6 ai 16 anni. Le tavole esposte in mostra, le immagini dedicate a Primo Levi e alcune poesie sulla Shoah saranno fonte di ispirazione per imparare a strutturare un fumetto, una graphic novel, attraverso l’uso appropriato della metafora e la costruzione dello story board, dalla creazione di un personaggio all’inserimento dei balloons. I laboratori, a cura degli esperti dell’Accademia di Belle Arti di Bari, saranno adeguati alle diverse fasce d’età.

Si svolgeranno:

  • sabato 4 febbraio dalle 17.00
  • domenica 5 febbraio dalle 11.00
  • sabato 11 febbraio dalle 11.00
  • domenica 12 febbraio dalle 11.00

Per info e prenotazioni: info@museocivicobari. Ogni laboratorio avrà durata di 2 ore circa.

Ingresso gratuito

ottai shoah2
 

Seminari e convegno

Per chi vorrà approfondire il tema della Shoah sotto diversi aspetti e sfaccettature, al Museo Civico saranno accolti i seguenti seminari e convegni, liberi e gratuiti:

- venerdì 3 febbraio ore 18.00: seminario “Riflessioni sul tema - Graphic novel, metafora e storia - Carlo Levi: la pittura come esercizio di libertà” a cura della Cattedra di Illustrazione Scientifica dell’Accademia di Belle Arti di Bari

Relatori: Tony Rizzo (esperto storia ebraica), Prof.ssa Rosa Anna Pucciarelli (Cattedra d’Illustrazione Scientifica, Accademia Belle Arti Bari), Maria Angelastri (Cattedra di Storia Contemporanea e Storia e Metodologia della Critica d'Arte, Accademia Belle Arti Bari).

La partecipazione consente il rilascio di 0,50 CFU per studenti universitari e docenti

- mercoledì 8 febbraio ore 18.00: convegno “La Musica nell'Universo del filo spinato” a cura di ANSI Bari

Relatori: Sabino Scaringello (docente di Diritto all’ITS Lenoci ed esperto della materia), Raffaele Pellegrino (docente di Storia e Filosofia, Componente Commissione Ricerca e Didattica presso IPSAIC e insegnante di chitarra del Coretto); a seguire performance musicale della pianista Alessia Maria Scalera

ottai shoah3
 

- venerdì 10 febbraio ore 18:00: seminario “Gli elementi della scrittura chimica” a cura di CNR - IPCF e Dipartimento di Chimica di Bari

Relatori: Francesco Naso (Prof. Emerito di Chimica Organica), Angela Agostiano (Prof.ssa Ordinario di Chimica Fisica e Presidente della Società Chimica Italiana), modera Massimo Trotta (Ricercatore all’Istituto per i Processi Chimico-Fisici CNR, c/o Dipartimento di Chimica Università di Bari)

La partecipazione consente il rilascio di 0,50 CFU per studenti universitari e docenti

La mostra sarà visitabile negli orari del Museo:

  • lun. – merc. – giov. dalle ore 10 alle 18
  • ven. – sab. dalle ore 10 alle 19
  • dom. dalle ore 10 alle 14
  • martedì chiuso

La mostra è inclusa nel biglietto di ingresso: intero € 2.50, ridotto € 1.50.

(gelormini@affaritaliani.it)

Iscriviti alla newsletter
Tags:
bari museo bari shoah primo levi mostra sitema periodicoprimo levi fumetto bari museo civico giornata memoria
i blog di affari
Il New York Times minimizza l'omicidio del ricercatore italiano Davide Giri
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Italia 2^ in UE per abbandono universitario
Massimo De Donno
Super Green Pass, boom di disdette: la distruzione di economia e lavoro
L'OPINIONE di Diego Fusaro
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.