A- A+
PugliaItalia
S. Ferdinando di Puglia Cucinotta e femminicidio

Dall’inizio del 2016  in Italia sono state 57 le donne uccise a causa di moventi passionali. Madri, sorelle, figlie, mogli, nel 40,9% dei casi ammazzate da uomini di cui si fidavano, compagni, fidanzati, mariti o ex. Una strage silenziosa che riguarda ciascuno di noi. Lo chiamano ‘femminicidio’ ma non perché si identifichi in una battaglia di genere. Piuttosto si tratta di una battaglia di civiltà che investe in primis quegli uomini che le donne le amano davvero e le rispettano. 

Cucinotta manif
 

Per contrastare questo fenomeno dilagante occorre coinvolgere istituzioni locali e nazionali, enti, associazioni, forze dell’ordine e tutti i soggetti operanti sul territorio. Il primo imprescindibile passo però, è quello di richiamare l’attenzione dell’opinione pubblica e delle donne stesse, che devono imparare a fare rete ed essere sensibilizzate a carpire i campanelli d’allarme e porre fine alla relazioni al minimo segnale di violenza.

Bisogna inoltre rafforzare la fiducia delle donne in un sistema che le protegga e le metta al sicuro da chi le vessa. Nessuno deve più avere timore di denunciare e farsi aiutare. Un cammino lento e complesso, che passa dal luogo che per eccellenza è deputato al confronto, al dibattito, alla presa di posizione di una comunità: la piazza.

“Per mano di uomini che professano amore, in questi tempi bui, si uccidono donne, sempre di più. Non potevamo rimanere indifferenti. Come assessorato alle Politiche Sociali - ha spiegato la promotrice dell’iniziativa, l’assessore al ramo Giovina D’Addato - abbiamo a cuore i cittadini di San Ferdinando di Puglia, che meritano di essere informati, di capire, di parlare, di ascoltare testimonianze e confrontarsi. Per questo abbiamo pensato ad una serata in cui alla riflessione si alterni lo spettacolo, con performance di teatro e danza".

cucinotta 60
 

"La donna viene ancora derubricata ad un numero - aggiunge Giovina D'Addato - mentre in sé nutre profondi sentimenti e talvolta sente di non avere voce. Con queste iniziativa vogliamo proprio dare voce a quelle donne che, afflitte dal dolore e dalla violenza, sentono di non averne più e alle vittime innocenti di questa barbarie che non conosce differenze di ceto o geografiche. Perché ogni donna picchiata ed uccisa è una ferita che ciascuno di noi si porta dentro”.

Martedì 26 luglio, alle 21.00, in piazza della Costituzione, interverranno donne che quotidianamente lottano per altre donne, in tutta Italia:  Valentina Pappacena, presidente dell’associazione antiviolenza “Valore Donna” di Latina; Cristina Capurso, avvocato e responsabile del settore legale dell’osservatorio “Giulia & Rossella” di Barletta; Maria Luisa Toto, presidente del centro antiviolenza “Renata Fonte” di Lecce; Angela Lacitignola coordinatrice del centro antiviolenza “Rompiamo il silenzio” di Martina Franca (TA; Anna Pulpito, vicepresidente della sezione di Taranto dell’AVO, Associazione Volontari Ospedalieri.

cucinotta violenza donne
 

Madrina della serata sarà l’attrice di fama internazionale Maria Grazia Cucinotta, da sempre in prima linea nella lotta alle discriminazioni di genere. Sarà lei a dare il via al momento artistico, recintando alcuni testi sul tema del femminicidio.

Seguiranno lo spettacolo di teatro danza di Vanessa Caponio, le letture interpretate dell’attrice Daniela Delle Grottaglie e l’air performance di Nico Gattullo, con la direzione musicale di Bianca Lopez&Woman Music Ensamble.

Responsabile organizzativo e testi è Tiziana Magrì. Il coordinamento artistico è affidato a Gerardo Russo, presidente dell’associazione culturale “Standing Ovation”.

(gelormini@affaritaliani.it)

Tags:
san ferdinando di puglia maria grazia cucinotta femminicidiocucinotta donne pugliesi femminicidio
i blog di affari
Smettere di fumare: 5 step da seguire
Anna Capuano
Tosare il cane d’estate: una pratica inutile e dannosa
Anna Capuano
allenare la mandibola: Benefici ed esercizi
Anna Capuano
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.