A- A+
PugliaItalia
Sanità, allarme commissariamento Emiliano: 'Voragine di 100milioni'

“Sono stato eletto per fare il presidente e non per accontentare l'opinione pubblica. Non per essere rieletto”. Il presidente della regione Puglia, Michele Emiliano, lancia l’allarme sul possibile commissariamento della sanità pugliese, dovuto all’allargamento dei disavanzo nei bilanci, immaginando come ultima soluzione estrema anche la chiusura progressiva di alcuni ospedali sottoutilizzati.

“Si prefigura nella sanità un buco consistente, - annuncia Emiliano - che oscilla tra gli ottanta e i 100 milioni di euro". Ma Emiliano non è disposto a cedere: “non mi faccio commissariare la sanità. Non posso accettare questa idea”. Per Emiliano, il buco “deriva in parte dall'utilizzo di farmaci ad alto costo, per il contrasto all'epatite C, e probabilmente anche da altre questioni che sono oggetto di analisi. Dobbiamo rimediare a questa falla. Dobbiamo esaminare la questione nei dettagli ma rimane il fatto che anche il piano di riordino vigente prefigura questa possibilità proprio al fine del contenimento dei costi”.
pronto soccorso
 
 
“Avvieremo da subito - aggiunge Emiliano - con i sindaci, i sindacati, gli organismi delle professioni sanitarie, una consultazione che è orientata a ciò che il Governo ci ha indicato come principale elemento di sforamento della spesa pubblica. E cioè il problema della appropriatezza che in Puglia è molto grave. Perché - sostiene Emiliano - noi abbiamo la spesa farmaceutica più alta di Italia. E se riuscissimo a riportarla al livello delle altre regioni, avremmo risolto il problema del buco che si prefigura”.
 
“A quel punto - evidenzia Emiliano - gli ospedali non sarebbero oggetto di una manovra di bilancio, ma di un ragionato esame che consentirebbe di valutare volta per volta, con maggiore tranquillità”. “Ma se ci sono problemi contabili non risolvibili, - ribadisce - sono disposto anche a prendere decisioni radicali”.
 
emiliano camicia
 
Emiliano è comunque determinato a fare in modo che i conti della sanità quadrino. “Abbiamo bisogno di rimediare a questa falla nei prossimi mesi. E’ chiaro che l'alternativa non potrà che essere quella di immaginare la chiusura progressiva di alcuni ospedali”, ma la decisione non è stata ancora presa.

“Rimane il fatto - ha dichiarato Emiliano - che anche il piano di riordino vigente prefigura questa possibilità al fine del contenimento dei costi. Peraltro siamo in attesa di conoscere quali sono i provvedimenti del Governo sulla famosa sentenza che riguarda l'intervento della Corte Costituzionale, che rischia di far saltare i conti di tutte le Regioni".

"Per la Puglia, forse in maniera meno grave della altre regioni, ma sicuramente in forma e peso consistente. Laddove dovessimo porre rinedio - spiega Emiliano - a una voragine da 650 milioni, derivante da un errore del Governo, nell'offrire alle regioni la possibilità di spalmare i suoi debiti su un lasso di quasi trent'anni, obbligati a concentrarli tutti nel prossimo anno. E' chiaro che questo processo si rivela complesso e pesante".

(gelormini@affaritaliani.it)

Tags:
sanitàemilianocommissariamento. voragine
i blog di affari
Reddito di cittadinanza, chi lo percepisce non ottiene l'assegno divorzile
di Francesca Albi*
FONDI PER ICT, CRISI, RETI CONTRO FURTI BENI CULTURALI, CONTRO OMOFOBIA
Boschiero Cinzia
Smettere di fumare: 5 step da seguire
Anna Capuano
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.