A- A+
PugliaItalia
Sanità, fuoco M5S su Emiliano. Schittulli: “Non è nomina politica”

Bari – La nomina di Francesco Schittulli tra gli esperti di Michele Emiliano sulla Sanità non è passata inosservata, ma il diretto interessato non ci sta ad incassare il fuoco di fila. “Anche nella nostra regione l’alter ego di Renzi, Michele Emiliano, è riuscito a realizzare un Patto del nazareno tutto in salsa pugliese, tradendo letteralmente i propri elettori”, mandano a dire i pentastellati in Consiglio Regionale. “Dopo l’alleanza con Fitto, adesso il presidente della Regione ha trovato una poltrona da offrire anche al candidato presidente della destra, Schittulli. Insomma chi ha votato Emiliano con il suo voto ha portato al potere anche Fitto, Schittulli e compagnia bella", tentano l’affondo i rappresentanti del M5S. L'oncologo gravinese, in compenso, respinge ogni accusa: “Ma quale Patto... ci sono temi che non andrebbero mescolati al ribasso con la lotta politica. E la salute è uno di questi. La campagna elettorale è finita da tempo ed ora è il momento di rimboccarsi le maniche. Non si tratta di una nomina politica né di un incarico pro o contro Emiliano. Il resto sono strumentalizzazioni di basso profilo”.

E se a salire sugli scudi sono i fittiani, che derubricano a “colpo di calore” l'ipotesi di accordo tra il leader di Maglie e il Gladiatore, proprio sulla sanità i pentastellati avevano già incrociato le spade con il numero uno di Lungomare Nazario Sauro. Emiliano aveva replicato alla richiesta di abbandono della delega assessorile al ramo, con la proposta di assegnazione della stessa ad una testa di serie del partito di Beppe Grillo. “Aveva tentato più volte di allungare i suoi tentacoli per agganciare anche il nostro consenso, tentando di ammorbidirci promettendoci poltrone, assessorati e benefici. Tuttavia, a differenza di quanto ha fatto Schittulli, abbiamo ribadito coerentemente il nostro no. Ci chiediamo a questo punto quali differenze siano rimaste tra Emiliano e Renzi, due presidenti che si dicono di sinistra, ma che alla prima occasione utile strizzano l’occhio alla destra”, chiosano al vetriolo Rosa Barone, Gianluca Bozzetti, Cristian Casili, Mario Conca, Marco Galante, Antonella Laricchia, Grazia Di Bari e Antonio Trevisi.

Basteranno, invece, le parole del Presidente Lilt a placare i malumori a destra? Non è un interrogativo da poco, se si conta che il professore sta riunendo, in questi giorni, i quadri dirigenti del Movimento che porta il suo nome, per serrare le fila in vista delle Amministrative. E che, dopo l’abbandono degli uomini vicini a Davide Bellomo e quello del consigliere regionale Luigi Manca - accasatosi tra i Conservatori e Riformisti - gli schittulliani risultano ancora parte del tavolo di coalizione del centrodestra, con forzisti, fittiani ed alleati: “Sulle Amministrative deciderà il Movimento, nel pieno rispetto delle autonomie territoriali”, spiega ancora ad Affari l'ex Presidente della Provincia di Bari, “Io, dal canto mio, presterò la mia opera nel Consiglio di esperti del Governatore nel modo più leale e corretto possibile. Con lo stesso spirito di disponibilità con il quale lo fece altrove, tempo fa, un luminare come l'ex Ministro Umberto Veronesi. D'altro canto, quando opero, non chiedo certo alle mie pazienti se votano per l'uno o l'altro partito!”

(a.bucci1@libero.it

---------------------------

Pubblicato dul tema: Emiliano chiama Schittulli nel Consiglio Presidenza Sanità

Tags:
sanitàm5semilianofuoconominapolitica
i blog di affari
Reddito di cittadinanza, chi lo percepisce non ottiene l'assegno divorzile
di Francesca Albi*
FONDI PER ICT, CRISI, RETI CONTRO FURTI BENI CULTURALI, CONTRO OMOFOBIA
Boschiero Cinzia
Smettere di fumare: 5 step da seguire
Anna Capuano
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.