A- A+
PugliaItalia
Scuole, Covid e DPCM, in Puglia TAR contraddittori: lunedì nuova ordinanza

Negli ospedali si combatte una guerra col Coronavirus, mentre nel mondo della Scuola non si riesce a trovare il bandolo per un equilibrio funzionale alla drammaticità del momento e all'efficacia delle misure di contenimento della stessa pandemia.

riapertura delle scuole 1024x512

Ad accentuare la confusione anche le diverse sentenze dei TAR di Puglia, in merito alla sussistenza o meno dell'ordinanza del presidente Emiliano del 28 ottobre - sulla chiusura delle scuole fino al 24 novembre - più restrittiva delle indicazioni contenute nel DPCM del 3 novembre scorso.

“Chiediamo il ritiro dell’ordinanza e l’applicazione del dpcm”, avevano chiesto i sindacati della Scuola, a cui aveva fatto da apripista un ricorso presentato al Tar dal Codacons insieme a un gruppo di genitori.

I giudici della terza sezione del tribunale amministrativo hanno deciso di accoglierlo, con tale motivazione: “L’ordinanza del Presidente della Regione Puglia, con cui è stata disposta la didattica integrata per tutte le scuole di ogni ordine e grado sul territorio regionale, ad eccezione dei servizi per l’infanzia, interferisce, in modo non coerente, con l’organizzazione differenziata dei servizi scolastici disposta dal sopravvenuto dpcm 3 novembre 2020″.

Bambin scuola libri didattica a distanza scuola dad computer pc

Il provvedimento, spiega il Tar, “colloca la Puglia tra le aree a media criticità (zona arancione) e persino per le aree ad alta criticità (zone rosse) esso prevede la didattica in presenza nelle scuole elementari”.  Per gli stessi giudici: “Non emergono ragioni particolari per le quali la Regione Puglia non debba allinearsi alle decisioni nazionali in materia di istruzione”.

Nel contempo, invece, la sezione del Tar di Lecce nsi è espressa in modo opposto sul ricorso presentato da  altri sedici genitori. Il presidente del Tar salentino, Eleonora Di Santo, ha rigettato la domanda cautelare con ben altra motivazione: “Ritenuto che il necessario contemperamento del diritto alla salute con il diritto allo studio, nella attuale situazione epidemiologica, vede prevalere il primo sul secondo; che comunque resta parzialmente soddisfatto attraverso la didattica a distanza - attesa la necessità - in ragione del numero complessivo dei contagi. Cosa da apprezzare, tenendo conto della capacità di risposta del sistema sanitario regionale, di contenere il rischio del diffondersi del virus”.

Lecce clima3

Il Tribunale amministrativo di Lecce ritiene, inoltre, che poiché “Il provvedimento impugnato ha una efficacia temporale limitata“, fino al 24 novembre, “suscettibile anche di riduzione in base alla valutazione dell’impatto delle misure assunte sull’evolversi della situazione epidemiologica, le prioritarie esigenze di tutela della salute possano giustificare un temporaneo sacrificio sul piano organizzativo delle famiglie coinvolte”. L’udienza collegiale di merito è quindi fissata per il 25 novembre.

Il presidente Emiliano si è detto pronto a emanare nelle prossime ore una nuova ordinanza su scuole e didattica in presenza, che entrerà in vigore da lunedì 9 novembre. Lo ha fatto sapere in una comunicazione trasmessa al direttore generale dell’Ufficio scolastico pugliese, Anna Cammalleri: “Nelle more dell’adozione di specifica ordinanza in via di pubblicazione che entrerà in vigore lunedì 9 novembre, le scuole dovranno attenersi al modello organizzativo in essere anche al fine di non disorientare l’utenza”. 

forza italia puglia 2

Commentano la situazione i consiglieri regionali di Forza Italia Giandiego Gatta, Stefano Lacatena e Paride Mazzotta con i parlamentari pugliesi di FI Mauro D’Attis, Dario Damiani, Francesco Paolo Sisto, Vincenza Labriola, Elvira Savino e Carmela Minuto.

“Con le sentenze odierne delle due sezioni del TAR, che hanno assunto posizioni opposte, la scuola in Puglia è nel caos totale e per responsabilità esclusiva di Emiliano. Il governo Conte intervenga a dirimere la questione perché i cittadini, persone offese di queste follie, non ci capiscono più niente”.

“Chiediamo all’esecutivo di fare chiarezza - aggiungono gli azzurri - laddove persino i giudici amministrativi si dividono, prendendo strade diametralmente opposte su scelte originali quanto incomprensibili. È necessario, a questo punto, che si assumano la responsabilità di ogni decisione il presidente del Consiglio dei Ministri, anche compulsando il presidente della Regione Puglia ed il ministro degli Affari Regionali, che presiede anche la Conferenza Stato-Regioni".

"Lo facciano immediatamente - concludono gli esponenti pugliesi di Fi - perché gli insegnanti, le famiglie e gli alunni pugliesi adesso sono veramente esausti e i loro diritti versano in gravissimo pericolo“.

(gelormini@gmail.com)

Loading...
Commenti
    Tags:
    scuole covid dpcm puglia nuova ordinanza tarmichele emilianocodacons genitori presidi
    Loading...
    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Equità e cure, Intelligenza Artificiale in guerra, borse di studio, nuove app
    Boschiero Cinzia
    Chiuse 300.000 aziende, aperte 85.000: un aiuto per sopravvivere al Fisco
    Gianluca Massini Rosati
    Il grande cuore di Aviva Wines, ecco l’iniziativa solidale con Fedez
    Francesco Fredella
    i più visti

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.