A- A+
PugliaItalia
Segreteria del Pd, Michele Emiliano punta alla poltrona di Renzi

Il dado è stato tratto da un pezzo. La lunga marcia verso la Segreteria del Partito Democratico di Michele Emiliano sarà simile al cammino dei pellegrini verso Santiago di Compostela: lento, costante, ricco di incontri e di sorprese e - man mano ci si avvicinerà alla meta - vedrà crescere entusiasmo, responsabilità e compagni di viaggio.

Emiliano Papa1
 

Sarà anche per questo che ieri, quasi a sorpresa, è stato ricevuto da Papa Francesco, al quale  il presidente della Regione Puglia ha portato un "presente anomalo", di quelli che piacciono al Santo Padre: la condizione straziante della città di Taranto e dei suoi bambini, martoriati da indici epidemiologici fuori dagli standard e bisognosa di attenzioni, di occhi e orecchi sensibili e di aiuti spirituali e materiali, che da questa parte del Tevere - come si è visto nelle scorse settimane - stentano ad arrivare".

E' da tempo che le trame di Emiliano si sviluppano versi interlocutori internazionali di sostanza, più che di apparenza, in una sorta di percorso parallelo - ma di tutt'altro senso di marcia - a quello dell'ex Premier e Segretario del PD, Matteo Renzi, a cui piacciono le pacche sulle spalle e le amicizie ostentate con i Capi di Stato.

Avere come alleato sul tema della "decarbonizzazione" dell'Ilva di Taranto lo zucchetto bianco del Pontefice, per  Michele Emiliano, potrebbe essere la consacrazione decisiva di una leadership ancorata a temi di rilevante portata sociale, per farne il trascinatore di un fronte elettorale "smarrito" e in cerca di una rinnovata identità popolare, capace di far valere i diritti e testimoniare nei fatti i doveri di cittadini.

L'occasione potrebbe anche contribuire a far maturare tempi e ragioni per l'auspicata visita di Papa Francesco a Taranto, dove sin dalla sua elezione al soglio petrino lo aspetta "l'amico di frontiera e cathedra", Mons. Filippo Santoro, vescovo in Brasile, quando Jorge Mario Bergoglio era Vescovo di Buenos Aires e Primate d'Argentina.

renzi emiliano X
 

Ma per evitare che quella marcia possa deragliare verso i sentieri "donchisciotteschi" della Mancia o dell'Estremadura, Emiliano sa che la sua tela non potrà tesserla in leggerezza - una qualità che comunque non gli appartiene - per cui è tempo che i passaggi elettorali siano funzionali alla costituzione di un gruppo "di peso" (un tempo si sarebbe chiamata 'corrente') e alla formazione di una squadra di uomini fidati nel partito.

Ne consegue che Congresso, Primarie ed elezioni prossimi saranno cruciali, per dare un senso alla marcia in corso. Dal suo canto, lo stesso Matteo Renzi pare gli stia dando più di una mano: il timore di non riuscire a gestire il competitor Gladiatore, finora ha portato l'ex sindaco di Firenze a una serie di battaglie vinte, ma alla perdita puntuale di ogni guerra.

gentiloni renzi mattarella
 

Lo stesso sviluppo della vicenda referendaria costituzionale - prima, durante e dopo - continua a far trasparire una perdurante stategia, da parte dell'ex Premier, tarata sul pragmatismo, che però mostra la corda al giro di boa delle verifiche e dei passaggi dalle intenzioni alle applicazioni pratiche.

Sono in molti ad intravedere lo stesso schema, e a prevedere la medesima deriva, anche nell'impostazione delle scelte, o meglio, delle indicazioni "a imbuto" di matrice renziana, per l'incarico alla guida del Governo - dopo le dimissioni di Matteo Renzi - che hanno portato a convergere su un cosiddetto "Re Travicello", per traghettare la legislatura verso l'approvazione della legge elettorale, nei tempi che possano verosimilmente consentire al congresso del PD di realizzare i piani del suo Segretario.

Un percorso che Michele Emiliano conosce bene, avendolo in qualche modo affrontato a livello regionale più o meno con gli stessi parametri. Ragion per cui, non dovrebbero essergli estranee le relative contromosse. Si prevede, pertanto, una fine d'anno coi fiocchi e con i botti e un inizio 2017 coi controfiocchi!

(gelormini@affaritalani.it)

-------------------------

Pubblicato sul tema: PD, Emiliano corregge l'ANSA e delegittima il Segretario Renzi

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
matteo renzi michele emiliano segreteria partito democraticore travicello renzi emiliano pd tela
i blog di affari
Interessi e Fisco: strana differenza tra quando chiede e quando paga
I mercati auspicano una donna come capo dello Stato: Belloni o Cartabia
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
CONSULTAZIONI EUROPEE, PROGETTI PER BIBLIOTECHE, SCUOLE E GLI OVER 65
Boschiero Cinzia
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.