A- A+
PugliaItalia
TAP, continua lo ‘stop and go’. Indagini e perquisizioni nelle sedi aziendali

E’ una sorta di telenovela quella della TAP in Salento. Ogni appiglio era e resta utile nella battaglia che le autorità locali e i movimenti NoTap perseguono con pervicacia e passione.

Potì melendugno

Il sindaco di Melendugno, Marco Potì, nel luglio scorso aveva vietato con un provvedimento amministrativo il prelievo d’acqua dai pozzi e dalla falda adiacente il cantiere. L'ordinanza ha dato il via a un'inchiesta della Procura di Lecce - coordinata dal procuratore della Repubblica Leonardo Leone de Castris e dalla pm Valeria Farina Valaori - alla base degli odierni sequestri e perquisizioni, da parte dei Carabinieri del Noe, presso le sedi della multinazionale di Lecce, Roma, Milano e Padova.

Oltre gli uffici della Tap, che a Melendugno in Salento, sta realizzando l'approdo del gasdotto che porterà in Europa il gas dell'Azerbaijan, il Noe ha perquisito anche il laboratorio di analisi "SGS Italia spa" di Villafranca Padovana, in cui sono state effettuate le analisi delle acque di falda sotto il cantiere di San Basilio.

TAP zona tap

Si cerca di capire se i riscontri di presenze di metalli pesanti, come nichel, cromo esavalente, vanadio, arsenico e manganese - oltre i limiti consentiti - sia stato o no determinato dai lavori in corso. A tal proposito, risulterebbero indagati il country manager Italia di Tap e l'ex amministratore legale, Michele Mario Elia e Clara Risso, insieme al Project Manager Italia, Gabriele Paolo Lanza.

Michele Elia

Si prospettano, inoltre, l’ipotesi di truffa e una serie di violazioni urbanistiche, che coinvolgono anche l’attiguo terminale Snam (anch’esso da costruire), nonché alcuni reati ambientali relativi all’espianto di 445 ulivi per far posto al passaggio del gasdotto.

TAP LEZZI

Dalla Tap si fa sapere che per quanto riguarda l’inchiesta: “L’Azienda sta assicurando la massima collaborazione alle autorità. Continueranno su questa strada, nel proseguimento delle indagini, nella convinzione che esse non potranno che dimostrare l'assoluta correttezza di quanto Tap fino ad ora ha realizzato".

Nel frattempo, il comitato No Tap chiede di bloccare il cantiere fino alla fine delle inchieste, e la ministra per il Sud, Barbara Lezzi, nell’invocare "chiarezza", coglie al volo l’appiglio: "Noi il Tap non l'abbiamo voluto né imposto, ce la siamo trovato, ma sicuramente non daremo agevolazioni. Quando abbiamo incontrato il sindaco di Melendugno - ricorda - abbiamo promesso, anche grazie e attraverso il premier Conte, che non ci sarebbero stati decreti salva Tap".

Naturalmente, da non perdere le prossime puntate…

(gelormini@affaritaliani.it)

Commenti
    Tags:
    tap indagini perquisizioni sedi azienda salentomarco potìsindaco melendugnobarbara lezzigiudici lecce padova analisi metalli pesanti snam
    i blog di affari
    Il “vecchio” Biden indica i nemici Cina e Russia
    Di Ernesto Vergani
    Faccia a faccia Salvini-Draghi: "Cosa ho chiesto al premier"
    Covid, lo smart working è il paradiso soltanto per i gruppi dominanti
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    i più visti


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.