A- A+
PugliaItalia
Taranto, d'Ambrosio Lettieri In Senato daremo battaglia
“Insieme ai colleghi del gruppo CoR in Senato daremo battaglia perché sia restituita dignità al popolo tarantino e anche alla politica, che non può trasmettere l’immagine deleteria di chi non riesce a connettersi con le esigenze delle persone e dei territori nel nome di contese inconfessabili", lo dichiara in una nota Luigi d’Ambrosio Lettieri (CoR), componente Commissione Sanità Senato.
Lettieri presid
 
 
"Per questo, il gruppo CoR presenterà un emendamento - aggiunge il senatore - al fine di dare prosecuzione all’impegno assunto per la sanità tarantina proprio in Puglia dal ministro della Salute, che sono certo confermerà concretamente la volontà espressa in quella occasione. Presenteremo, inoltre, un’altra proposta correttiva all’emendamento già approvato alla Camera in materia di interventi di bonifica ambientale e decontaminazione perché la destinazione delle somme eventualmente confiscate alle società del gruppo Ilva nell’ambito di procedimenti penali per reati ambientali avviati prima del commissariamento del gruppo, siano vincolate agli interventi in favore dello stabilimento siderurgico di Taranto".
 
"La città e i suoi abitanti - prosegue Lettieri - hanno pagato un prezzo troppo alto perché si possa indugiare ancora. L’improvvisa evaporazione dell’emendamento alla Manovra appena approvata dalla Camera dei Deputati e che avrebbe consentito la deroga al DM 70 con il relativo stanziamento di 50 milioni di euro per l’assunzione di personale sanitario nella Asl di Taranto, ha del paradossale da qualunque angolazione lo si guardi, tecnica o politica".
 
FdL80 Renzi Emiliano2
 
E poi precisa: "Tecnica, perché non si capisce come è possibile che un attesissimo emendamento, così importante per un territorio martoriato come Taranto, su cui peraltro era stato assunto l’impegno ufficiale proprio in Puglia dal ministro della Sanità della cui buona fede non dubito e ampiamente conosciuto dal sottosegretario De Vincenti, non sia stato concepito in modo ineccepibile rispetto al suo inserimento nella manovra o magari corretto in corso d’opera, oppure non si sia usato dall’inizio lo strumento dell’Accordo tra Governo e Regione".
 
"Politica, perché la bagarre tutta interna al partito che vede contrapposti Renzi ed Emiliano - praticamente la cosa 1 e la cosa 2 del Pd -  da una parte si sta consumando sulla testa dei cittadini e in particolar modo dei bambini tarantini malati di tumore. Ed è inaccettabile".  
 
"Dall’altra - conclude d'Ambrosio Lettieri - rivela una contraddizione di fondo e cioè che proprio il governo fautore di una riforma costituzionale che vorrebbe ridurre il Senato a una specie di dopo lavoro per sindaci e consiglieri regionali per velocizzare, a suo dire, l’approvazione delle leggi, oggi guarda al Senato per recuperare un impegno mancato o comunque per redimere una questione spinosa. Perché tale Renzi la reputa, avendo dichiarato oggi che sarà il Senato a decidere a chi dare più risorse per la sanità, non essendo per il presidente del Consiglio scontato e corretto dire che devono andare a Taranto. Siamo alla follia pura, che grida vergogna”.
 
()gelormini@affaritaliani.it)
Tags:
luigi d'ambrosio lettieri taranto sanità decreto ilvad'ambrosio lettieri cor senato battaglia
i blog di affari
FONDI PER ICT, CRISI, RETI CONTRO FURTI BENI CULTURALI, CONTRO OMOFOBIA
Boschiero Cinzia
Smettere di fumare: 5 step da seguire
Anna Capuano
Tosare il cane d’estate: una pratica inutile e dannosa
Anna Capuano
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.