A- A+
PugliaItalia

Riceviamo dagli "Amici di Beppe Grillo - Taranto" e pubblichiamo volentieri:

Con la visita di domani a Taranto, il presidente del consiglio Matteo Renzi si prepara all’ennesima passerella nella città che, giorno dopo giorno, affronta i veleni , non solo dell’inquinamento industriale, ma anche di quelli politici, che di fatto ne impediscono una prospettiva di futuro alternativa, oltre che costringerla ad un presente di emergenza. Sotto tutti i profili: sanitario, economico, sociale, ambientale. Ricordiamo l’ultima visita a Taranto del premier, l’incontro in Prefettura per parlare di Ilva, quando disse che si “può fare impresa rispettando la salute e l’ambiente. L’Ilva è una partita che appartiene al futuro e non al passato”. Era il 13 settembre 2014. La partita continua a giocarsi sulla pelle dei Tarantini che si ammalano e muoiono per decreto con la complicità del PD locale incapace di imporsi a livello nazionale.

Logo Meetup decennale
 

Dopo quasi due anni i pediatri che chiesero di incontrarlo aspettano risposta, i cittadini aspettano ancora di capire come si fa impresa rispettando la salute e l’ambiente, soprattutto quando al quartiere Tamburi vengono invitati a chiudere le finestre nei giorni di vento per tenersi al riparo dai minerali del siderurgico. Il decimo decreto “Salva-Ilva” è la sintesi del fallimento politico di questo governo, che regala l’immunità a chi compra lo stabilimento più inquinante d’Europa per continuare una produzione d’acciaio incompatibile con la vita di donne, uomini e bambini. Ecco come il PD risolve i problemi dei cittadini, per poi sfilare con i suoi rappresentanti sotto gli ospedali quando chiudono o vengono depotenziati anche grazie alla loro approvazione.

Renzi Franceschini
 

Taranto non ha bisogno di passerelle, presidente Renzi. Ha bisogno di una spinta per venire fuori dal pantano in cui Lei e il PD l’avete costretta. Domani verrà a inaugurare il secondo piano del MarTa, a fare i selfie con i reperti archeologici. Parlerà di Ilva e del porto e sarà ospite della Summer School della FutureDem per discutere di sviluppo economico e del ruolo dei cittadini nel percorso di crescita del Paese. Cosa andrà a dire? Vada all’ospedale “Moscati” prima che finiscano di chiudere tutti i reparti, vada a rendersi conto del ruolo dei cittadini nel percorso di crescita che prospettate. Vada al parco minerali dell’Ilva, provi a sporcarsi le mani con gli operai. Provi a capire come vedono il proprio futuro oltre quel fumo negli occhi che decreto dopo decreto cercate di alimentare.

Per questo evento si bloccherà Taranto, con danni alla circolazione e agli esercenti. Negli ultimi cinque anni sono 2.635 le imprese commerciali chiuse a Taranto. Ecco un altro elemento che dà al premier Renzi e al PD locale la possibilità di ragionare sui drammi veri, quelli della gente comune, non quelli delle banche e degli amici delle lobby al potere.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
taranto matteo renzi marta museorenzi franceschini inaugurazione museo taranto m5s
i blog di affari
Covid, Lancet smonta le tesi che stigmatizzano i non vaccinati
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Draghi-Schwab, vis a vis due protagonisti dell'ordine neoliberale filobancario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Violenza donne, la maratona radiofonica che dà voce alla lotta agli abusi
L'opinione di Tiziana Rocca
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.