A- A+
PugliaItalia
Taranto-Ilva, SMS disperato 'Emiliano, chiudila!'

"Ciao Michele, ieri dopo undici giorni di ricovero a mio figlio di 13 anni è stato riscontrato un brutto tumore, purtroppo siamo di Taranto e l'Ilva ci ha condannati non voglio che altri genitori possano passare ciò che sto passando io, chiudila"!

emiliano pensa
 

È il testo di un sms che il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, ha ricevuto sul proprio cellulare e ha pubblicato sulla sua pagina Facebook. "Ho ricevuto da un cittadino questo sms pochi minuti fa". Oltre un migliaio i "Mi piace", e numerosi sia i commenti al post del governatore che le condivisioni.

Un cittadino scrive: "Ha ragione il papà, non si può sottostare al ricatto, se vuoi lavorare devi accettare il rischio che ai tuoi figli venga il cancro. Il diritto alla salute viene prima del diritto al lavoro".

In un altro commento una donna aggiunge: "Presidente, quello che può fare subito è dotare Taranto delle strutture e delle risorse che ci consentano di ricevere cure adeguate senza essere costretti a partire, con tutto quel che ne consegue, con treni e voli anch'essi inadeguati".

Emiliano prsd2
 

Ed ancora: "Difendere un lavoro che uccide una città è qualcosa di arretrato, invece, già da tempo esistono conoscenza e consapevolezza sui veleni dell'Ilva. Chiuderla è necessario". Ma c'è anche chi propone la conversione del polo siderurgico, perché "Se chiude l'ilva, centinaia di famiglie non avranno più da mangiare".

E questo è il paradosso di una città dilaniata sotto ogni punto di vista. Una città costretta - col passare degli anni - a vivere come "bene comune" una fonte prima di speranza, lavoro e prospettive future, e poi di terrore, malattie e incremento di mortalità.

ilva tragedia3
 

La disperazione comprensibile di un padre, ancora una volta, indica una soluzione radicale. Ma il coinvolgimento largo di oltre 12.000 famiglie obbliga politica e istituzioni a scelte dirette, incisive e coraggiose. Studi epidemiologici, statistiche drammatiche e disperazione diffusa dicono che i tempi sono maturi per la presa in considerazione - date le mancate risposte della proprietà all'adeguamento ad ogni tipo di salvaguardia - di una procedura di "esproprio per tutela della salute pubblica".

Qualsiasi diritto e tutela della proprietà non potrà mai essere propedeutico o prioritario al bene supremo del diritto alla salute, che in questo caso riguarda non solo i lavoratori e i reliti famigliari, ma le intere comunità di cittadini che abitano le aree coinvolte dagli effetti dell'Ilva.

(gelormini@affaritaliani.it)

-------------------------------

Pubblcato sul tema: Taranto, la scelta coraggiosa. di A. Gelormini

                              Ilva, la scelta obbligata

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
taranto ilva sms disperato tumore michele emilianopadre taranto ilva figlio tumore chiudi fabbrica
i blog di affari
Lo Sportivo Straniero in Italia: Importante Convegno
Mascherina all'aperto, simbolo dell'alienazione e uniforme dei sudditi
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Green Pass più esteso per i guariti dal Covid: appello al Governo
L'opinione di Tiziana Rocca
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.