A- A+
PugliaItalia
Trani, la cava dei veleni Marmo (FI): 'Urge bonifica'

“Sulla cava dei veleni di Trani, in contrada Profico, non ci basta conoscere i dati Arpa relativi alle emissioni di diossine ed idrocarburi. Oggi siamo nelle condizioni di ritenere il sito inquinato e, dunque, mi aspetto un impegno immediato dell’assessore regionale all’Ambiente per programmare interventi di bonifica a tutela della salute pubblica”, lo dichiara il consigliere regionale di  Forza Italia, Nino Marmo.

Marmo 9
 

“Per molto tempo - aggiunge Marmo - sono stati stoccati rifiuti solidi urbani in modo illecito. Due mesi fa, a seguito dell’incendio, finalmente ci si è accorti che qualcosa non andava, mentre nella città si diffondevano odori nauseanti. Non sappiamo se le emissioni abbiano avuto qualche effetto nocivo sulla salute dei cittadini, ma è bene indagare e attendere i risultati dell’agenzia regionale. Ad ogni modo, però, le falde potrebbero essere inquinate e lo stoccaggio illecito si è verificato”.

“Ergo - conclude Marmo - la bonifica del sito è un diritto dei cittadini e aspettiamo speranzosi che qualcuno dalla Giunta regionale ne prenda atto”.

------------------------------

Pubblicato sul tema: Discarica di Giardinetto (Fg), allarme incendio

Tags:
tranicavavelenibonificamarmofi
i blog di affari
Green pass, così otteniamo diritti e libertà già garantiti dalla Costituzione
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Sindacalista ucciso, la solitudine dei lavoratori nello spirito del tempo
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Alternanza scuola-lavoro, diciamo basta all'istruzione turbocapitalistica
L'OPINIONE di Diego Fusaro
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.