A- A+
PugliaItalia
Trivelle: L'assoluta contrarietà della Provincia di Lecce

Il braccio di ferro sulla tutela delle autonomie territoriali mette a segno un'altro round a proposito di "Trivelle", Michele Emiliano a Lecce ribadisce che la tutela del mare è centrale nelle politiche della Puglia e dell'intero Paese.

20161121 emiliano a monotematica consiglio provinciale lecce Procedura di valutazione di impatto ambientale di competenza statal
 

Il presidente della Regione Puglia, ntervenendo al Consiglio Provinciale monotematico sulla questione trivelle, convocato dal Presidente Antonio Gabellone, per ribadire il secco “no” del territorio salentino all’ipotesi che le navi della Schlumberger srl setaccino 4mila chilometri di fondale marino tra Puglia, Calabria e Basilicata, ha dichiarato: "Se si vogliono evitare le trivelle, la strada da perseguire non può essere solo giudiziaria, ma anche politica".

"Quando il tuo interlocutore  - ha continuato Emiliano - ha la possibilità di cambiare le norme, è chiaro che la strada giudiziaria diventa impervia. Rimane, quindi, la battaglia politica. Quando una comunità, impugnando la propria Costituzione, vuole difendere le ragioni dell'ambiente, della salute, del turismo e dell'economia, può ottenere dei risultati per via politica, perché tutti i Governi, persino quelli delle democrazie meno avanzate, sono molto sensibili al consenso".

trivelle Termoli
 

Secondo il Presidente della Regione Puglia, "Quando le persone hanno le idee chiare e lottano insieme, come credo stia avvenendo oggi, è più facile ottenere dei risultati. Lo abbiamo visto in tante occasioni, speriamo lo si veda anche nella tutela del mare, che è centrale nelle politiche della Puglia e, mi permetto di dire, dell'Italia intera. Se non riusciamo a capire l'importanza del mare per l'economia, per il turismo e per la salute, vuol dire che siamo veramente un Paese in declino".

"Chi immagina il mare - ha concluso Emiliano - come un posto da saccheggiare, peraltro utilizzando metodologie pericolose, evidentemente è un incosciente, perché non applica il principio di prevenzione".

L'ordine del giorno approvato rimarca “L’assoluta contrarietà della Provincia di Lecce a qualsiasi attività di ricerca e di estrazione di idrocarburi nel mare Jonio e lungo le coste salentine e pugliesi”.

Introna Emil
 

Immediato il commento dell'ex Presidente del Consiglio regionale pugliese, Onofrio Introna: "Approvo e apprezzo la presa di posizione ufficiale della Provincia di Lecce contro qualsiasi attività di ricerca e coltivazione di idrocarburi nei mari pugliesi, dopo il via libera ministeriale ottenuto dalla Schlumberger Italiana nelle acque del Golfo di Taranto".

"Mi conforta - aggiunge - la chiara conferma della determinazione del presidente della Regione, Michele Emiliano, di opporre una visione alternativa, identitaria, fondata sulla tutela e sulla valorizzazione della “bellezza” contro lo sfruttamento dell'Adriatico e dello Ionio per estrarre idrocarburi e di catrame".

"Il nostro vero petrolio restano le spiagge - conclude Introna - le acque pulite, le flotte da pesca. Non lo svenderemo per pochi barili di robaccia nera.

(gelormini@affaritaliani.it)

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
pronivincia lecce antonio gabello puglia trivelle michele emiliano mareprovincia lecce contrarietà trivelle ionio adriatico
i blog di affari
I mercati auspicano una donna come capo dello Stato: Belloni o Cartabia
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
CONSULTAZIONI EUROPEE, PROGETTI PER BIBLIOTECHE, SCUOLE E GLI OVER 65
Boschiero Cinzia
Lions aiuta la protezione civile con la "Project bag"
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.