A- A+
PugliaItalia
Turismo, gli 'entroterra' dell'Adriatico fanno sistema

Al "Buy Puglia 2016" i commenti dei buyer stranieri sono stati unanimi ed in coro hanno esortato la Puglia: "Continuate ad essere 'unici' e avremo tutti più motivi per fare a gara a venire da voi!".

IMG 3390
 

Oltre 2.000 appuntamenti per le 110 imprese del turismo pugliesi, a cui è stta proposta l'opportunità di stringere nuovi accordi e aprire trattative con gli oltre 100 buyer provenienti da 33 paesi diversi. Al più importante evento di business turistico della Regione, organizzato dall’Agenzia regionale Pugliapromozione, i buyer sono arrivati da mercati ormai consolidati come Germania, Francia e Regno Unito, ma anche da Stati Uniti, Repubblica Ceca, Norvegia, Svezia, Finlandia, Danimarca, Estonia e Lituania, e da quelli emergenti come Canada, Brasile, Giappone, Cina, Argentina, Russia e India.

Grande  è stata la collaborazione con  la Fiera del Levante e  con Aeroporti di Puglia, mentre otto le compagnie aeree che hanno partecipato: Mistral Air, Aegean Airlines, Airberlin, Air Dolomiti, Alitalia, Volotea V7, Transavia/KLM/Air France e Turkish Airlines, il cui General Manager in Puglia, Ismail Ozturk, ha ribadito come: "Servizi di trasporti efficienti possono sicuramente produrre positivi riscontri economici, e possono incrementare sia il turismo che tutte le attività di business", sottolineando che: "Turkish Airlines offre, da Bari, la connessione voli più breve, via Istanbul, verso l’Asia ed altri continenti".

InPuglia365 banner
 

Proporre sui mercati internazionali una Puglia365, da scoprire tutto l’anno, anche fuori dalla stagione estiva. E’ stata questa una delle novità, che scaturisce dal Piano Strategico regionale del Turismo Puglia365, di questa quarta edizione del Buy Puglia che, in sintonia con le strategie dell'Assessorato al Turismo e Cultura pugliese, si è aperta con una serata particolare nei Sassi di Matera.

“Buy Puglia Meets Basilicata”, infatti, è stata una delle novità rilevanti di questa edizione 2016, tesa a sandire la collaborazione fra la Puglia e la Basilicata nella promozione turistica. Il protocollo di intesa fra Pugliapromozione e Apt Basilicata, firmato durante il workshop B2B alla Fiera del Levante di Bari e presentato alla stampa, è soltanto il prologo all'avvio di un vero proprio programma di sistema che guarda al coinvolgimento anche di Molise, Abruzzi e Calabria.

IMG 3402
 

All’incontro con la stampa “Buy Puglia 2016: La Puglia sul mercato internazionale, una scoperta tutto l’anno”, hanno partecipato l’Assessore all’Industria Turistica e Culturale, Loredana Capone,  che ha illustrato gli ultimi dati sui flussi turistici e la vision del Piano strategico Puglia365, il Commissario di Pugliapromozione, Paolo Verri, il direttore della Apt Basilicata, Mariano Schiavone e l’Amministratore Unico di Aeroporti di Puglia, Giuseppe Acierno.

“Il 2016 in Puglia mostra importanti incrementi dei flussi turistici, registrati in quasi tutto il territorio regionale, con un + 5 % degli arrivi e +3% delle presenze nei primi nove mesi rispetto agli stessi mesi dell’anno precedente. Continuiamo ad avere ottimi risultati per quanto riguarda gli stranieri: da gennaio  fino a settembre + 9% di arrivi e presenze rispetto agli stessi mesi del 2015 - ha comunicato l’Assessore Loredana Capone -  Se guardiamo al trend di lungo periodo, dal 2007 i flussi turistici internazionali sono cresciuti in Puglia  del 60%! Mentre il tasso di internazionalizzazione degli arrivi è passato dal 15% del 2007 al 21% del 2015. Germania, Francia, Regno Unito, Svizzera e Stati Uniti si confermano i mercati stranieri più consistenti in termini di arrivi. Francia, Regno Unito e Polonia sono i Paesi che registrano gli incrementi maggiori sia in termini di arrivi che di presenze”.

IMG 3410
 

Gli stranieri, secondo l’Osservatorio regionale del Turismo, cominciano a scoprire in Puglia le aree dell'entroterra a vocazione culturale, religiosa, enogastronomica  e scelgono per la propria permanenza i cosiddetti mesi spalla estivi (da aprile a ottobre), contribuendo ad attenuare il fenomeno della stagionalità,  più marcato in Puglia  rispetto alla media nazionale ma in linea con le Regioni a forte vocazione balneare(Sardegna, Calabria).

“Esistono ampi margini di sviluppo sui mercati esteri  visto che siamo ancora lontani dal tasso di internazionalizzazione italiano: 21% della Puglia vs il 49% dell’Italia. Il momento è più che favorevole - ha proseguito l’Assessore Capone -  Il turismo  internazionale mostra una grande vivacità e fra le tendenze si nota, grazie anche all’incremento dei voli low-cost,  una decisa preferenza per gli short break in luoghi autentici, fuori dai circuiti di massa e in periodi di minor afflusso turistico".

IMG 3396
 

"È in questo scenario  che la Puglia si lancia per intercettare la sua fetta di mercato", ha poi sottolineato l'Assessore,  "Il grande lavoro di promozione della Puglia, iniziato negli ultimi dieci anni, è proseguito nel 2016 con il lancio di  una campagna  di comunicazione sul mercato italiano, in ripresa dopo un periodo di stasi; con il rinnovo dell’accordo con Ryanair che prevede numerose nuove rotte, con la partecipazione a fiere ed eventi, con la organizzazione della quarta edizione di questo importante evento del Buy Puglia, quest’anno pieno di novità anche negli itinerari proposti ai buyer, e con la  campagna di comunicazione di Inpuglia365, un autunno dai mille colori, primo step di destagionalizzazione del Piano strategico del Turismo Puglia 365".

"Grazie al Piano, che sarà approvato a breve in Giunta, abbiamo un vero e proprio business plan, in ogni caso sempre flessibile e modificabile in corso d’opera, che prevede azioni e progetti da sviluppare e prevede anche il coinvolgimento trasversale dei settori  della Cultura - stiamo costruendo anche il Piano della Cultura che sarà pronto entro aprile 2017 -  della Agricoltura e  della Internazionalizzazione della Regione Puglia. Gli obiettivi  sono quelli di una crescita  della competitività della  destinazione in Italia e all’estero, l’aumento dei flussi di turisti internazionali e una spinta  positiva alla destagionalizzazione,  favorendo l’innovazione organizzativa e tecnologica”.

“La Puglia, negli ultimi dieci anni, è stata protagonista di un eccezionale sviluppo del suo posizionamento turistico. Da destinazione potenziale è diventata meta ambita", ha detto il Commissario di Pugliapromozione,  Paolo Verri, "Tra il 2007 e il 2016 venire in Puglia è divenuto un must non solo per chi ama il mare e il sole, ma per chi immagina di voler godere di uno stile di vita diverso da quello dei tradizionali villaggi turistici. Ed è questa  la Puglia che promuoviamo sui mercati internazionali qui al Buy Puglia".

IMG 3407
 

"Città come Lecce hanno già rinnovato tutto il proprio patrimonio mettendolo a disposizione degli operatori del commercio e del turismo; altre, come Taranto, stanno lavorando per un riposizionamento totale. Ma sono i borghi della Puglia, da nord a sud, dalla Capitanata alla punta estrema del Salento, a riservare sorprese al visitatore".

"E lo stiamo vedendo anche con InPuglia365 - ha continuato Verri - un ricco palinsesto di iniziative ed eventi dell’autunno e del Natale, una scoperta, a volte per gli stessi pugliesi, che ci mostra una provincia inaspettata, culturalmente e turisticamente molto accattivante. Con Inpuglia365 Pugliapromozione sta qualificando l’accoglienza sui territori con i Comuni e  la rete degli Iat  e intensificando l’accoglienza digitale per garantire l’accessibilità delle informazioni prima, durante e dopo il viaggio sui canai web istituzionali Viaggiareinpuglia.it  e Pugliaevents.it.

"La redazione social documenta lo svolgersi delle attività e genera engagement mediante l’uso dell’hashtag #InPuglia365. Stiamo anche testando i primi esperimenti di promo- commercializzazione con gli operatori turistici.  Sono stati coinvolti più di 6000 operatori turistici iscritti nel Destination Management System di Pugliapromozione affinché associassero le loro offerte (soggiorni, pacchetti vacanze, ecc.) al complesso di attività gratuite previste dal programma Inpuglia365. Alcuni di questi operatori hanno partecipato al Buy Puglia e ci auguriamo che dagli incontri che si sono svolti vengano fuori nuove prospettive in nuovi mercati e che la Puglia diventi nei cataloghi dei tour operator internazionali una nuova meta accattivante”.

La crescita costante del traffico aereo e la predisposizione di nuovi collegamenti sono un altro tassello fondamentale per  lo sviluppo del turismo straniero in Puglia. Per Giuseppe Acierno, Amministratore Unico di Aeroporti di Puglia: “ La straordinaria stagione che stanno vivendo gli aeroporti pugliesi in termini di passeggeri, con picchi di traffico mai registrati prima, sul piano della qualità dei servizi erogati e dell’operatività delle strutture, che mai hanno risentito degli eccezionali flussi di traffico, conferma quanto siano state vincenti le scelte strategiche sin qui adottate".

matera
 

"Il traffico aereo in Puglia cresce a ritmi più alti rispetto alla media nazionale - precisa Acierno - e gli eccellenti risultati conseguiti fanno guardare con fiducia alla concreta possibilità di superare a fine dell’anno il già ottimo consuntivo del 2015. Il nostro sguardo, tuttavia, è già proiettato alla programmazione del prossimo anno, obiettivo al quale stiamo lavorando con grande intensità, specie per il rafforzamento dei collegamenti internazionali: è questo, infatti, il settore con il più alto potenziale di crescita, che ha già portato alla Puglia e alla sua rete aeroportuale enormi benefici sul piano dello sviluppo e che riteniamo tanti altri possa portarne in futuro”.

Prima della firma dell'Accordo per la collaborazione fra la  Puglia e la  Basilicata con l’iniziativa “Buy Puglia Meets Basilicata”, che coinvolge la Regione Basilicata, la Apt Basilicata, la Fondazione Matera-Basilicata 2019 e la Fondazione Eni Enrico Mattei (FEEM), è intervenuto il Direttore Generale di Apt Basilicata, Mariano Schiavone: “La tendenza a soggiornare meno in una destinazione per poterne visitare altre durante lo stesso viaggio, sta creando per la Basilicata come per la Puglia, nuove opportunità di sviluppo. Il protocollo di intesa che firmiamo oggi sancisce  una proficua collaborazione, per promuovere un territorio che investe due regioni, la Puglia e la Basilicata, che sono limitrofe e soprattutto sono legate da storia, cultura e tradizione. Vogliamo realizzare un progetto di promozione territoriale unico con elementi forti e per un  percorso  che andrà ben oltre il 2019”.

Rosone Troia3
 

Buy Puglia 2016 ha offerto ai compratori stranieri e nazionali una Puglia aperta tutto l’anno e organizzata per prodotti turistici: turismo attivo, esperienze slow, cultura, ma anche l’offerta del lusso, la Puglia romantica, la Puglia autentica delle tradizioni e dei piccoli borghi, con l’enogastronomia trasversale a tutte le offerte. Gli itinerari sono stati intensi, ma molto apprezzati: “Baroque & seaside” nel Salento, a Lecce e a Squinzano nel Parco Naturale delle Dune Costiere; “Art & Landscape”, nel Gargano e i Borghi dei Monti e Colline Dauni, con sosta alla Basilica di Siponto,  al sito Unesco di Monte Sant’Angelo, al castello di Lucera e a Bovino, Troia e Pietramontecorvino.

“Magna Grecia & Vineyards”, fra i più richiesti dai buyer, a Taranto e al suo Museo archeologico, con degustazione del Primitivo a Manduria, Grottaglie con le sue ceramiche, Ceglie Messapica e Martina Franca;   “Murgia & Heritage”, con sosta a Gravina, degustazione di mozzarella, visita al Museo de Nittis di Barletta, quindi Trani, il sito Unesco di Castel del Monte e Ruvo con la sua cattedrale e Molfetta.

leccebasilicadisantacroce2
 

“Mice & Wedding” con focus quest’anno sul wedding, con  una visita al Castello di Conversano, quindi  Polignano, Monopoli con sosta per gustare il “crudo”, Alberobello e visita di alcune masserie. La novità assoluta di quest’anno è stata però il “Bike & Foodies”, itinerario che è stato molto richiesto dai buyer, che li ha portati per un ciclotour  il primo giorno a Noci e nelle campagne circostanti e poi lungo la ciclovia dell’Acquedotto in Valle d’Itria, con pranzo in masseria, e il secondo giorno a Otranto e Galatina per una “sosta pasticciotto” .

Non è mancata, infine, per tutti i buyer la visita di Barivecchia, al rientro dagli itinerari: con cena itinerante e musica dal vivo, degustazione di focaccia e laboratori di orecchiette.

(gelormini@affaritaliani.it)

Tags:
paolo verri turismo adriatico entroterra materaturismo cultura loredana capone puglia molise abruzzi
i blog di affari
FONDI PER ICT, CRISI, RETI CONTRO FURTI BENI CULTURALI, CONTRO OMOFOBIA
Boschiero Cinzia
Smettere di fumare: 5 step da seguire
Anna Capuano
Tosare il cane d’estate: una pratica inutile e dannosa
Anna Capuano
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.