A- A+
Roma
Belle arti, Adsi e Aba insieme per un "boost" al nostro patrimonio culturale

Un progetto che in questa particolare situazione vuol essere un segnale di ripartenza dalle fondamenta del Paese: le giovani generazioni e le risorse culturali. L’Associazione Dimore Storiche Italiane (Adsi) e la Conferenze dei Presidenti e dei Direttori delle Accademie delle Belle Arti (Aba) hanno siglato un protocollo di collaborazione col fine di valorizzare il patrimonio culturale privato italiano che, secondo l’Istituto Centrale del Catalogo e della Documentazione del Ministero della Cultura, costituisce il 17% del totale.

Come dimostrato dallo studio della Fondazione Bruno Visentini, il 54% di esso si colloca nei centri con meno di 20.000 abitanti e, di questi, il 29% nei comuni sotto i 5.000 abitanti: si tratta quindi di un patrimonio -costituito da oltre 9.000 dimore e capace di generare, prima della pandemia, 45 milioni di visitatori -attraverso il quale può passare la ripartenza culturale, sociale ed economica sia dei centri urbani che delle aree interne del Paese. Con il protocollo si intende sensibilizzare le giovani generazioni sulle criticità della conservazione di un patrimonio che deve essere tramandato attraverso un’efficace tutela tanto degli edifici quanto dei giardini storici.

Si vuole inoltre concorrere alla valorizzazione di tale patrimonio come luogo nel quale i giovani possano trovare un’occupazione legata al territorio di appartenenza. Un ulteriore obiettivo è la realizzazione di un progetto pluriennale che sappia coinvolgere il pubblico,raggiungendo una platea internazionale da sempre affascinata dal “bello” italiano. Le attività a cui parteciperanno gli studenti si articoleranno nei campi della fotografia, per mostrarela bellezza del patrimonio e le complessità della manutenzione, del cortometraggio, con focus sulla complessa e rilevante filiera economica collegata alle dimore storiche, e infine delle arti visive perraccontare il patrimonio in una rivisitazione del Grand Tour. Il tutto con il punto di vista di queigiovani che, da studenti d’arte, sapranno leggere il passato, cogliere il genius loci, e reinterpretarloguardando al futuro dando, ci si augura, quegli spunti utili per renderlo attuale e sempre più elementostrategico della ripartenza del nostro Paese. Adsi e la Conferenza dei Presidenti delle Accademie delle Belle Arti promuoveranno, a livello regionale, eventi espositivi delle opere realizzatenell’ambito del programma, mentre a livello nazionale organizzeranno una grande mostra dedicata altema della salvaguardia del territorio e del patrimonio storico-architettonico.

Commenti
    Tags:
    belle artiadsiabapatrimonio culturale


    Loading...
    Loading...





    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    i più visti
    i blog di affari
    Da Ceferin (Uefa) a Grillo, l’uso corretto o no del web
    Di Ernesto Vergani
    Localitour d'Autore by Jalisse incontra RADIO ANTENNE ERRECI
    Ricci Fabio
    Ddl Zan, ecco perchè è un grave tentativo di imporre il pensiero unico

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.