A- A+
Roma
Brumotti sfida Spada e Fasciani: l'inviato di Striscia minacciato di morte

Vittorio Brumotti sfida i clan Spada e Fasciani: pesanti minacce, anche di morte, a Ostia e sui social per l'inviato in bici di Striscia la Notizia dopo uno dei suoi reportage dalle piazze di spaccio della droga.

A darne notizia un comunicato del tg satirico di Canale 5. "Qui comandano i clan Spada e Fasciani, interi palazzi sono stati trasformati in piazze di spaccio", commenta Brumotti che, intervenuto in sella alla sua bici per “riappropriarsi” del territorio, è stato minacciato e insultato.

Il tempestivo intervento delle forze dell’ordine, che hanno perquisito e portato in caserma per accertamenti presunti pusher, ha evitato che la situazione prendesse una piega ancor più pericolosa. “Questa volta - dice la nota di Striscia - per l’inviato in bicicletta nessuna aggressione, ma dopo la sua incursione sono arrivate pesanti minacce di morte sui profili social e persino sul suo telefono privato”.

Commenti
    Tags:
    vittorio brumottispaccio romadroga romabrumottibrumotti aggreditopusher romastrisciastriscia la notiziaclan spadaostiaclan fascianispadafasciani



    Roma, chi pedala accende la stella sull'albero di Natale del Comune. E' vero

    Roma, chi pedala accende la stella sull'albero di Natale del Comune. E' vero

    
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.