A- A+
Roma
Cimiteri e Ama al collasso: stop cremazioni e spese raddoppiate per i romani

Cimiteri di Roma al collasso, i ritardi nelle cremazioni e i conseguenti aumenti delle spese per i cittadini fanno scoppiare la “bomba”: ogni defunto, a causa del trasferimento della salma al deposito del Verano in attesa della cremazione, costerebbe alle famiglie 500 euro in più con l'Ama che non eroga gli indennizzi previsti dal contratto di servizio.

E così il Codacons ha deciso di inviare oggi una formale diffida ad Ama spa e al Comune di Roma, in cui si chiede di indennizzare, sulla base delle disposizioni vigenti, gli utenti che hanno subito disagi e disservizi. Come noto infatti, l’Ama ha informato che dal 2 novembre non sarebbe stato più possibile eseguire cremazioni presso il cimitero Flaminio a causa dell’eccesso di salme, e i feretri in attesa di cremazione sarebbero stati trasferiti nella camera mortuaria del Verano. Le procedure prevedono che da qui, 48 ore prima dalla data stabilita, la salma dovrà essere ricondotta al cimitero Flaminio: il tutto a carico dei familiari del defunto costretti a pagare il doppio trasporto, con un aggravio di spesa in media di 500 euro a famiglia per ogni salma.

Una disposizione tuttavia che contrasta col contratto di servizio per la gestione dei servizi cimiteriali siglato tra il Comune di Roma e l’Ama, e che prevede standard qualitativi specifici e indennizzi per gli utenti in caso di mancato rispetto degli stessi – denuncia oggi il Codacons –. In particolare il contratto di servizio stabilisce che i “Tempi complessivi dall’atto della presentazione della richiesta per la cremazione delle salme/resti mortali/feti/etc. all’effettuazione dell’operazione nell’impianto” siano di 15 giorni, derogabili in caso di eccessiva domanda, ma prevedendo al tempo stesso un congruo “indennizzo a ristoro per l’utente che subisce un disservizio” per “mancato raggiungimento dello standard qualitativo specifico”.

Sulla base di tali disposizioni e delle segnalazioni giunte dagli utenti, il Codacons ha inviato oggi una formale diffida ad Ama spa e al Comune di Roma, in cui si chiede di “provvedere al perfezionamento della cremazione ripristinando il buon andamento del settore cimiteriale, e di riconoscere in modo automatico un congruo indennizzo per tutte quelle famiglie che hanno visto violare gli standard qualitativi così come stabiliti nella stessa Carta dei Servizi”.

Commenti
    Tags:
    cimitericimiteri romacremazioni romaamaama cimiteripompe funebricodaconscomune roma


    Loading...
    Loading...





    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Elezioni Roma, testacoda 5 Stelle. Raggi sfida il Pd; Lombardi con Zingaretti

    Elezioni Roma, testacoda 5 Stelle. Raggi sfida il Pd; Lombardi con Zingaretti

    i più visti
    i blog di affari
    Vicini e "no mask", a Sanremo si può: ecco il distanziamento élite-miserabili
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Anche se l'inflazione cresce, è ancora troppo presto per preoccuparsene
    Di Alessandro Parravicini
    Draghi: svolta radicale nella lotta al Covid-19, ma restano domande irrisolte
    Massimo Puricelli

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.