A- A+
Roma
“Condannate Montino per truffa”: la richiesta del pm sulle spese Pd in Regione

Processo sulle spese pazze dei consiglieri Pd in Regione Lazio durante la legislatura Polverini: la Procura ha chiesto di condannare a due anni e quattro mesi l’ex capogruppo dem Esterino Montino, oggi sindaco di Fiumicino e marito della candidata alle primarie Pd come sindaco di Roma Monica Cirinnà.

Le accuse contestate a Montino sono quelle di truffa e peculato. Per gli stessi reati il pm Alberto Pioletti ha chiesto di condannare a tre anni Mario Perilli, all’epoca tesoriere del gruppo, accusato anche di corruzione per l’assunzione della figlia al giornale online Nuovo Paese Sera, giornale dove l'attuale assessore alla Sanità Alessio D'Amato è stato direttore editoriale e socio di riferimento.

Tra gli imputati del processo c’è anche la segretaria di Perilli, Maria Assunta Turco, che rischia due anni e quattro mesi sempre per peculato e truffa. L'ultima richiesta del pm è stata poi quella di condannare a tre anni di reclusione con le accuse di corruzione e peculato Massimo Vincenti, amministratore della società “Nuovo Paese Sera Srl”. Raffica di assoluzioni per intervenuta prescrizione dal reato di abuso d’ufficio, perché secondo l'accusa privi delle qualità richieste dalla legge per l’assunzione, richieste dal pm per i consiglieri regionali Tonino D’Annibale, Umberto Carlo Ponzo, Enzo Foschi, Carlo Lucherini, Marco Di Stefano, Bruno Astorre, Claudio Mancini, Claudio Moscardelli, Giuseppe Parroncini, Francesco Scalia e Daniela Valentini.

Passando alla ricostruzione delle accuse contestate al sindaco di Fiumicino, secondo la Procura Montino, in quanto presidente del gruppo, e Perilli, come tesoriere, sarebbero entrati in possesso di 64.050 euro erogati come contributi regionali al gruppo per acquistare dal quotidiano online Nuovo Paese Sera servizi redazionali. La cifra però non avrebbe potuto essere utilizzata con questa finalità, come stabilito dalla legge regionale. Per giustificare l’utilizzo illecito, i due hanno allegato alle relazioni trasmesse al Comitato regionale istituito per il controllo contabile dei fondi fatture ritenute false. In particolare, Montino e Perilli, sempre secondo l’accusa, hanno accluso alla documentazione undici fatture emesse dalla società editrice Nuovo Paese Sera per attività mai svolte. Circostanza di cui i due imputati sarebbero stati a conoscenza.

Commenti
    Tags:
    esterino montinospese pdregione laziopm romamario perillitruffaalessio d'amato


    Loading...
    Loading...





    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    i più visti
    i blog di affari
    Covid, coprifuoco? Lo specchio dell'autoritarismo sanitario
    Di Diego Fusaro
    Da Ceferin (Uefa) a Grillo, l’uso corretto o no del web
    Di Ernesto Vergani
    Localitour d'Autore by Jalisse incontra RADIO ANTENNE ERRECI
    Ricci Fabio

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.