A- A+
Roma
Coronavirus, bomba anziani a Rocca di Papa: direttore della Rsa senza titoli

Coronavirus, dopo la strage di anziani è bufera sulla Rsa di Rocca di Papa: il direttore sanitario del San Raffaele, dove i casi accertati di Covid-19 tra pazienti e operatori sanitari sono almeno 92, sprovvisto di alcun titolo di specializzazione. Parte la diffida delle Regione Lazio.

 

A dare l'ufficialità della notizia è la stessa Regione che, sui propri canali social, spiega come nella struttura le misure di prevenzione adottate dalla casa di cura siano state inefficienti e non in linea con le direttive regionali.

“È stato diffidato mercoledì il legale rappresentante della casa di cura San Raffaele di Rocca di Papa perché il direttore sanitario che sta gestendo dal 1° marzo tutta questa fase risulta sprovvisto di titolo di specializzazione. Sono state pertanto avviate le procedure previste dalla norma che prevedono in caso di inadempienza la sospensione dell'autorizzazione”, si legge nel post pubblicato sulla pagina Facebook e Twitter di Salute Lazio. “E’ un fatto grave – continua la Regione – che la gestione sanitaria di un presidio così importante sia stata affidata ad un medico sprovvisto del titolo di specializzazione la diffida è stata anche notificata all'Ordine dei Medici di Roma e inviata ai Carabinieri dei NAS”.

La Regione poi punta il dito contro le errate misure di prevenzione adottate dal San Raffaele: “Dai primi rilievi dell’audit clinico che sta svolgendo la Asl Roma 6, in accordo con il SERESMI (Servizio regionale sorveglianza malattie infettive – Spallanzani) emerge che le misure di prevenzione finora adottate non risultano efficaci e che non sono state rispettate le disposizioni impartite dalla Regione sin dal febbraio scorso. La documentazione verrà messa a disposizione delle autorità competenti. Tutte le indicazioni e le prescrizioni devono essere pedissequamente rispettate per la corretta gestione clinica dei pazienti. La Asl Roma 6 verificherà puntualmente il rispetto di queste misure ed ha distaccato uno specifico tecnico della prevenzione che è in loco a coordinare le azioni di monitoraggio e verifica”.

San Raffaele: “La Regione ci ha impedito di fare i tamponi”

Mercoledì intanto il San Raffaele, per bocca dell'amministratore delegato della struttura Antonio Vallone, aveva reso noto che la Regione ha impedito alla Rsa di eseguire i tamponi su tutti i suoi pazienti non appena il l'Asl Roma 6 ha ufficializzato il primo caso all'interno della casa di cura. “Avevamo chiesto subito alla Regione Lazio, sin dal primo caso accertato, di poter processare i tamponi direttamente nella nostra struttura, dove siamo attrezzati con apparecchiature conformi ai protocolli internazionali. I tempi potevano essere molto più brevi, ma la Regione Lazio ha detto di no”, sottolinea Vallone. “Abbiamo 128 ospiti – prosegue – e di questi 69 sono positivi asintomatici, mentre 7 con sintomi sono stati trasferiti in ospedale. Dei 212 operatori, che voglio elogiare per il lavoro che stanno facendo, 16 sono risultati positivi e sono in isolamento domiciliare”.

Ma la situazione, denuncia Vallone, poteva essere gestita meglio "se prima che scoppiasse l'emergenza, cioè prima del 3 aprile, giorno in cui sono apparsi sintomi sospetti nel primo ospite, la Regione ci avesse consentito di fare tamponi a tutti e processarli nel nostro laboratorio, avremmo avuto i risultati in quattro ore". Invece, la richiesta della struttura, risalente al 31 marzo, è stata di fatto bocciata dalla Regione da una circolare datata 8 aprile in cui si specifica che i tamponi possono essere processati solo nelle strutture sanitarie di riferimento, che nel caso della Asl 6, che comprende Rocca di Papa, è il Campus Biomedico di Roma.

"E' una struttura di eccellenza - osserva Vallone - ma ricevono migliaia di tamponi al giorno, è chiaro che i tempi si dilatano. Il risultato del primo tampone è arrivato solo tre giorni dopo, e quelli dei nuovi tamponi che abbiamo subito predisposto il 6 aprile per i pazienti e gli operatori che hanno avuto contatto diretto con il paziente già trasferito sono arrivati il 9". In ogni caso, aggiunge Vallone, "noi abbiamo seguito le procedure corrette. Gli ospiti esterni non entrano dall'8 marzo, abbiamo isolato i casi riscontrati positivi rispetto a quelli negativi, dedicando loro, in maniera esclusiva, medici e infermieri provvisti di dispositivi per la protezione individuale. Inoltre, è stato contestualmente - e sollecitato quotidianamente - richiesto il trasferimento di tali pazienti presso strutture regionali Covid". La valutazione su quest'ultimo punto, conclude l'ad, è ancora in corso: "Si potrebbe anche rendere la struttura centro Covid, ma aspettiamo la decisione della Regione".

La replica del San Raffaele alle accuse della Regione

Il presidente del Gruppo San Raffaele, Carlo Trivelli, risponde in una nota "in merito alle accuse riportate nel comunicato stampa della Regione Lazio 'Unità di Crisi Covid 19' del 16 aprile 2020 ore 14. Leggiamo nella nota fatta diffondere dall'assessore D'Amato, responsabile dell'Unità di crisi, che il direttore sanitario della clinica Rocca di Papa non avrebbe i requisiti, cosa della quale la Regione si sarebbe oggi avveduta dopo oltre 45 giorni dalla nostra comunicazione. Rispetto a questo aspetto, si comunica di avere tempestivamente già provveduto alla sua sostituzione, come da Pec allegata", si precisa.

LEGGI LA PEC INVIATA DAL SAN RAFFAELE ALLA REGIONE LAZIO

"Risulta comunque molto singolare allo scrivente - prosegue la nota - come il professionista di cui sopra sia stato per anni già direttore sanitario della Casa di cura Villa Luana così come di Villa Fulvia, come da provvedimenti regionali e schede allegate. Non risulta inoltre a questo Gruppo alcuna contestazione della Asl Rm6 competente come apoditticamente affermato nel comunicato regionale. Tutt'altro, oggi la Regione ha chiesto al San Raffaele. Ci è stata rappresentata la necessità ed abbiamo ricevuto il conseguente invito a trasformare la struttura in Centro Covid 19, comunicandoci che nulla è stato rilevato sia in ordine sia alla regolarità della struttura, sotto il profilo dei requisiti tecnico organizzativi, sia per l'accertato rispetto delle procedure in materia di prevenzione Covid 19".

LEGGI LA NOMINA DEL DOTTOR RONCHI COME DIRETTORE SANITARIO DI VILLA FULVIA FIRMATA DA ZINGARETTI

"Relativamente alla trasmissione ai Nas di documentazione - continua Trivelli - non comprendiamo il senso di tale mediatica comunicazione. Siamo determinati a collaborare con tutte le Istituzioni nel più alto e superiore interesse dei pazienti e dei lavoratori e sempre al fine di migliorare la qualità del lavoro svolto, con dedizione e sacrificio, da oltre 220 operatori (medici, infermieri, osa, psicologi, assistenti sociali, fisioterapisti, dietisti, biologi, tecnici, ecc). Ci auguriamo che i numerosi casi di infezione verificatesi nelle altre strutture dello stesso territorio abbiano avuto la stessa attenzione".

"Speriamo, infine, per il rispetto che da sempre abbiamo avuto per le Istituzioni ed a difesa del nostro lavoro in favore del Servizio sanitario regionale - conclude la nota - che tutto ciò non sia l'ennesimo dispetto che si mette in atto nei confronti di questo Gruppo o tantomeno una sottesa gentil ritorsione, perché ieri abbiamo avuto l'onestà di dimostrare, carte alla mano, che non ci è stato consentito di effettuare i tamponi a nostre spese a tutto il nostro personale e pazienti, cosa che sarebbe di certo stata determinante rispetto al numero dei contagi. Ciò è stato ancora una volta ribadito oggi dall'Oms che ha riaffermato come siano 'prioritari i test a tappetto in Rsa per frenare diffusione del Covid 19 e il trasferimento, laddove possibile, degli anziani che risultano positivi al coronavirus. Devono essere ricoverati in ospedale'. In tal senso anche oggi abbiamo rinnovato tale richiesta alle autorità competenti. Quanto sopra nell'esclusivo interesse della verità".

Loading...
Commenti
    Tags:
    coronaviruscoronavirus laziocoronavirus rocca di paparocca di paparsa rocca di papacasa di cura rocca di papasan raffaele rocca di paparegione laziotampone coronavirustampone anzianicase di curadiffida




    Loading...




    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Casamonica, blitz all'alba: al via sgombero-abbattimento ville abusive. Video

    Casamonica, blitz all'alba: al via sgombero-abbattimento ville abusive. Video

    i più visti
    i blog di affari
    SCRITTURE CONTABILI OBBLIGATORIE NELLA LEGGE 3/12 art. 9 comma 3
    Ascolti tv, Rai: stop del Pd a rinnovo Salini, Orfeo verso Rai Uno
    Di Klaus Davi
    Esercito per strada, coprifuoco, divieto di assemblea: che sta succedendo?

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.