A- A+
Roma
Coronavirus, il tempio della Dolce Vita in crisi: il Jackie O' resta chiuso

Coronavirus, il tempio storico della Dolce Vita romana in crisi: il Jackie O', il famoso locale di via Boncompagni, è ancora chiuso e non sa quando tornerà ad aprire. Il grido: “Vogliamo sapere cosa dobbiamo fare con le nostre attività da chi è deputato a farlo”.

 

“Non entriamo nel merito della gestione delle fasi di un'emergenza più grande di noi. Abbiamo da subito capito che dovevamo fermarci e affidarci. Una cosa però ci è dovuta: la chiarezza. Perché possiamo sicuramente comprendere, chiudere, azzerare quelle che sono le entrate necessarie ad assicurarci la vita che abbiamo scelto con tutti i rischi d'impresa e mettere il nostro futuro professionale nella mani di chi è chiamato a gestire una pandemia. Quello che però pretendiamo e il metterci nella condizione di valutare chiaramente cosa possiamo o non possiamo fare, come dobbiamo farlo e secondo quali tempi”, scrive il locale sulla propria pagina Facebook.

“Il nostro locale – continua il post –, che da cinquant'anni assicura ai romani quello che siamo sempre stati bravi a fare, è in un limbo senza tempo e, ad oggi, sembra destinato imprenditorialmente a un'incertezza letale. Il nostro ristorante è frutto di sacrifici che nessuno ci spiega come giustificare. Questo è per un'intera categoria professionale mortificante. Task Force, Comitati Tecnico-Scientifici, Governo e Regioni, davvero non li invidiamo in periodi di scelte come queste e insistiamo nel dire che siamo pronti ad accettare le disposizioni che daranno, ma con chiarezza e in tempi di valutazione e applicazione certi”.

Infine le richieste del Jackie O' alle istituzioni: “Vogliamo sapere cosa dobbiamo fare con le nostre attività da chi è deputato a farlo, niente di più. Perché essere in balia di tanta incertezza e di una mala informazione generale che altro non fa che confondere, condividendo opinioni come fossero norme, calpesta la dignità di chi lavora in un settore fondamentale per il paese. Noi siamo qui per lavorare e vogliamo farlo assicurandovi la possibilità di venire da noi col sorriso, anche se nascosto da una mascherina. Possiamo investire ancora in ciò che amiamo fare, ma abbiamo il diritto di avere risposte sul come farlo e abbiamo il diritto di averle subito”.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    coronaviruscoronavirus romafase 2fase 2 romaristoranti romafase 2 ristorantidolce vitajackie o'



    Roma capitale della prostituzione. Quasi 3 mila escort, ma i prezzi calano

    Roma capitale della prostituzione. Quasi 3 mila escort, ma i prezzi calano

    i più visti
    i blog di affari
    I mercati auspicano una donna come capo dello Stato: Belloni o Cartabia
    L'OPINIONE di Ernesto Vergani
    CONSULTAZIONI EUROPEE, PROGETTI PER BIBLIOTECHE, SCUOLE E GLI OVER 65
    Boschiero Cinzia
    Lions aiuta la protezione civile con la "Project bag"


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.