A- A+
Roma
Coronavirus, imprese in ginocchio. Confapi: "Aperte 150 Cig in una settimana"

Il Coronavirus mette in ginocchio le imprese a Roma e nel Lazio. A lanciare l'allarme è la Confapi, la Confederazione italiana della piccola e media industria privata, sottolineando come in una sola settimana siano state aperte 150 pratiche per la cassa integrazione.

 

A parlare è il presiedente di Confapi Roma e Confapi Lazio, Massimo Tabacchiera: “La crisi si farà sentire duramente. Le aziende hanno dovuto fermare le produzioni, anche le vendite sono congelate, e dopo un periodo di blocco il primo problema che si creerà sarà quello della liquidità. Un motore rimasto a secco per ripartire ha bisogno subito di carburante. E’ indispensabile che il sistema bancario immetta immediatamente soldi nel sistema delle imprese; non solo in quelle che hanno parametri positivi dal punto di vista della 'bancabilità', e che spesso sono quelle che hanno meno bisogno del credito. Sarà necessario garantire liquidità anche e soprattutto a tutte quelle piccole attività, anche con qualche difficoltà pregressa o 'in sofferenza', che con la disponibilità del credito potranno comunque riproporsi sul mercato, garantendo comunque livelli occupazionali indispensabili per mantenere un equilibrio sociale, e non creare ulteriori problemi occupazionali”.

tabacchiera
 

Tabacchiera poi sottolinea: “Il primo impatto sociale è stato affrontato con l’estensione del ricorso alla CIG e con l’intervento straordinario del Governo di concerto con le nostre Associazioni nazionali; questo consente di affrontare l’immediato con maggiore tranquillità, avendo comunque tutti la possibilità di garantire un reddito ponte ai propri dipendenti. Da venerdì 20 a venerdì 27 marzo i nostri uffici hanno lavorato ad oltre 150 verbali di concertazione sindacale, proprio per l’accesso alla CIG. Sarà determinante ora intervenire con il sistema bancario e con ABI, per poter incidere sul sistema di garanzie a favore delle aziende con maggiori difficoltà, proprio per poter agganciare la ripresa, quando ci sarà”.

“Auspichiamo un intervento del Governo prosegue –, anche in termini di apporto di garanzie al sistema bancario, per l’approvazione del credito necessario; saranno determinanti anche i tempi di risposta dello stesso sistema bancario. Riteniamo infine che l’accesso al credito bancario di liquidità debba essere legato al mantenimento ed alla ripartenza delle attività, con livelli occupazionali pre-crisi, cosa che consentirebbe di far ripartire le produzioni senza continuare a scaricare sulle casse pubbliche il costo sociale dei dipendenti oggi in Cassa Integrazione”.

“Infine ‒ cocnlude Tabacchiera ‒ vogliamo aggiungere una nota positiva, segnalando l’esempio di aziende che si sono anche immediatamente adattate ai nuovi scenari, come la DB Ingegneria dell’Immagine di Acilia, che nel giro di qualche giorno ha avviato la produzione delle tanto agognate Mascherine Protettive”.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    coronaviruscoronavirus romacoronavirus laziocassa integrazione laziocassa integrazionecigconfapiindustriaconfapi romaconfapi laziomassimo tabacchiera



    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    i più visti
    i blog di affari
    Attenzione: Fisco sospeso solo a metà
    LIBRI/ Il Grand Tour di Stefano Veraldi, dermatologo vagabondo
    Di Ernesto Vergani
    Vaccini obbligatori ai bambini, che cosa fare quando l'ex coniuge si oppone
    di Avv. Maria Grazia Persico*


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.