A- A+
Roma
Virus, positivo il consigliere regionale Cacciatore: "Contagiato in famiglia"

Coronavirus, nuovo caso all'interno del Consiglio Regionale del Lazio: è risultato positivo il consigliere del Gruppo Misto Marco Cacciatore, contagiato con un link familiare. Ad annunciarlo è lo stesso ex M5S e presidente della Commissione Urbanistica, Politiche abitative e Rifiuti con un post su Facebook.

“Sono risultato positivo al Covid, a seguito di un tampone breve e sono in attesa del molecolare, ma sono già in isolamento – scrive Cacciatore –. Al momento sto abbastanza bene, i sintomi sono ancora lievi. A quanto pare mi sono contagiato attraverso un contatto familiare. Il tampone effettuato ieri ha confermato la mia positività”.

“Qui sui social non parlo volentieri di me, di quello che mi succede al di fuori dal mio impegno di consigliere. Questa volta è diverso, perché la mia esperienza non è esclusivamente privata – continua iil consigliere –. Non lo è intanto perché è purtroppo un numero sempre crescente di persone a risultare positivo. Non lo è neppure perché l’aver contratto il virus richiede di dover tutelare chi, come colleghi, amici, parenti più o meno stretti, fa parte integrante della nostra quotidianità. Ma la scoperta della positività e la consapevolezza della necessaria responsabilità verso chi ci sta intorno, insegna anche e soprattutto qualcosa a proposito del nostro sistema sanitario. Ricorda a tutti ancora una volta quanto è importante avere una rete di cura pubblica per far fronte anche a fasi di sovraccarico come questa. Sono troppe le carenze che deve affrontare chi in questi giorni è alle prese con test e tamponi. Ecco perché le risorse destinate alle strutture sanitarie e a chi ci lavora non sono mai troppe. A prescindere dal Covid, si starebbe più tranquilli nella certezza di avere un sistema di cura all'altezza della situazione. E invece, un Paese di 60 milioni di abitanti, ad oggi cerca faticosamente di arrivare a quota 8000 terapie intensive, quando prima dell’emergenza ne aveva solo 5000”.

“È proprio per avere un sistema di sanità pubblica più forte – conclude Cacciatore – che bisogna continuare a lavorare e fare la nostra parte all’interno delle istituzioni. Continuerò a svolgere il mio lavoro da remoto. Presiederò i lavori della Commissione X e parteciperò alle sedute dell’Aula grazie agli strumenti telematici (tra cui il voto elettronico) di cui si sta dotando proprio in queste ore la Regione Lazio. Una cosa è sicura: non smetterò di aggiornarvi sul mio impegno per il territorio, anche se per un po' senza poter essere presente fisicamente”.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    coronavirusmarco cacciatoreconsiglio regionale lazioregione lazio



    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    i più visti
    i blog di affari
    Caso Beccaglia: "Io, donna e medico, dico che non è violenza sessuale"
    Cancellare il Natale? Un modo per turbare l'identità altrui
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    BANDI ERASMUSPLUS, AIUTI AI GIOVANI, ESSP PER SICUREZZA SOCIALE LAVORATORI
    Boschiero Cinzia


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.