A- A+
Roma
Covid-19, un software per arginare contagi: ad Ardea anziani sotto controllo

di Federico Bosi

Arginare i contagi del Coronavirus seguendo le direttive dei decreti del Governo e mettendo in campo un software in grado di “schedare” i cittadini e gestire da remoto richieste d'aiuto, quarantene e possibili nuovie positività: accade nel ad Ardea, Comune che ha deciso di dotarsi del “Sistema gestione emergenze”.

 

Questo software, utilizzato di norma per gestire emergenze come terremoti e tutti i disastri naturali, sfrutta il calcolo delle probabilità e modelli statistici ed offre alle autorità tutti i mezzi per affrontare l'attuale emergenza sanitaria. “Questo sistema supporta realmente il territorio – spiega il Risk Manager del Comune di Ardea, Francesco Maria Ermani –. Questo software, dato ai gratuitamente ai Comuni per fronteggiare l'emergenza, dovrebbe essere utilizzato da ogni singolo Comune per riuscire ad avere la situazione ancora di più sotto controllo”.

software emergenze ardea
 

“L'idea di utilizzare questo sistema è nata dopo un confronto avvenuto tra me, il Risk Manager Ermani ed il sindaco Savarese in cui cercavamo quale fosse il miglior modo per gestire l'emergenza – racconta il comandante della Polizia Locale di Ardea, Sergio Ierace –. La nostra idea è stata quella di aggredire l'evento piuttosto che attenderlo, ma sempre seguendo le direttive che arrivano dai decreti del Governo. Con questo sistema abbiamo ampliato il nostro quadro, fortificando tre aspetti fondamentali: prevenzione, contenimento e supporto. Nel sistema sono state inserite tutte le persone over 60, le persone con patologie pregresse e disabili in modo tale da poterli tenere sotto controllo. Nostri operatori li contattano quotidianamente per verificare se sono a casa, se hanno bisogno di medicinali o spesa e via dicendo. In caso non si riesca a contattare la persona ricercata, il software ci darà il suo indirizzo di casa e i carabinieri si recheranno sul posto per una verifica. In questo modo le persone si sentono meno sole, perché ricevono ogni giorno o una telefonata o una vista che fanno sia da controllo che da supporto psicologico”.

“Come noi – conclude il comandante – anche altri comuni più grandi dovrebbero attuare questo sistema. Grazie al supporto delle Asl, si possono monitorare le quarantene e velocizzare in maniera netta il trasferimento dei dati necessari tra le varie Autorità”.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    coronavirusardeacomune di ardeacovid-19polizia localeemergenzaanzianisistema gestione emergenze



    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    i più visti
    i blog di affari
    "No Green Pass esclusi dalla vita sociale come se non fossero cittadini"
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Caso Beccaglia: "Io, donna e medico, dico che non è violenza sessuale"
    Cancellare il Natale? Un modo per turbare l'identità altrui
    L'OPINIONE di Diego Fusaro


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.