A- A+
Roma
Covid e taxi, assedio al Mef. Tassisti in rivolta: “Per Conte non esistiamo”

Coronavirus e taxi, assedio al Mef. Tassisti in rivolta: “La nostra categoria è in forte sofferenza e, con le nuove disposizioni di contenimento per l'emergenza Covid inserite nell'ultimo Dpcm, i danni saranno irreversibili”.

È quanto comunicano i responsabili del settore taxi di Fit-Cisl Lazio, Federtaxi Cisal Lazio, Ugl taxi, Uritaxi Lazio, Usb taxi, Uti, ATI taxi, Or.s.a. taxi e Associazione Tutela Legale Taxi aggiungendo che “per questo motivo il 27 ottobre dalle 17 saremo in presidio autorizzato davanti il Ministero dell'Economia e delle Finanze, per manifestare contro la nostra probabile esclusione dalle misure di Ristoro economico destinate alla categorie maggiormente colpite dalla crisi”.

“Riteniamo che fin dall'inizio della pandemia la categoria dei tassisti, in termini economici, di sicurezza e obbligo di servizio anche in assoluta assenza di domanda, abbia già pagato abbastanza. Gli autisti delle auto bianche - continua la nota - ancora sono in attesa di ricevere diverse mensilità relative alla cassa integrazione e continuano ad aspettare i vari aiuti annunciati e mai emanati, come ad esempio il bonus previsto dal Dl agosto (art. 59) e nonostante tutto questo continuano ad essere sotto pressione a causa delle varie tasse e dei pagamenti Inps. L'unica cosa certa è che questa categoria non può più permettersi di rimanere in fondo alla coda degli aiuti, perché - concludono i sindacati - è veramente diventato difficile sostenere anche i soli costi di gestione del servizio”.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    taximefministero economiatassistisindacatidpcmnuovo dpcmdpcm contegoverno conte



    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    i più visti
    i blog di affari
    la nomina dell'esperto per il risanamento aziendale (2)
    Angelo Andriulo
    Porto di Trieste, sgombero con gli idranti: il "potere" che spegne la rivolta
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Meglio praticare sport o fare una dieta?
    Anna Capuano


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.