A- A+
Roma
Ecco come Zingaretti “affaticato” lascerà il Lazio per fare il vicepremier

Per un personaggio come Nicola Zingaretti che non ha mai fatto un lavoro reale e la cui contribuzione Inps è a scelta tra dirigente di partito e presidente della Provincia di Roma o della Regione Lazio, parlare di sovraffaticamento per il doppio ruolo di presidente del Lazio e segretario del Pd suona offensivo, almeno per chi attende ancora la Cig di marzo e aprile.

Ma l'uscita sulla “presunta fatica" del “doppio ruolo” e alla “risposta” che bisognerà trovare, ha due chiavi di lettura. La prima è quella classica dello stress da doppio lavoro; la seconda, quella più realistica, di una ritrovata insofferenza per il ruolo di presidente del Lazio che rischia di fargli perdere la segreteria del Pd, che non gli è sfuggita di mano solo perché le elezioni hanno salvato la Toscana. Così, pur sostenendo “non essere assolutamente in campo per fare il ministro” che nella liturgia zingarettiana va letto esattamente al contrario, in realtà lo Zar ha aperto le grandi manovre per arrivare a fare il ministro. Anzi, il vicepremier.

La realtà elettorale delle amministrative di settembre fatto lo ha salvato ma Nicola il grande è cosciente che la Regione Lazio rischia di diventare una “prigione politica” senza una via d'uscita, soprattutto per colpa “del fuoco amico” di Stefano Bonaccini e di Dario Franceschini. In assenza di un ruolo di potere governativo è il ministro della cultura Dario Franceschini a fare il buono e il cattivo tempo col Governo, forte della sua carica di “capo delegazione del Pd”. Ed è quindi il primo a fare pressioni affinché Zingaretti resti più a lungo possibile nel recinto della Regione Lazio, in modo da permettergli perimetri di azione ampi: dai rapporti reali col 5 Stelle in Consiglio dei ministri sino alle nomine. Diversamente Franceschini si ritroverebbe a fare il ministro per la Cultura nella stagione in cui la maggior parte delle risorse le assorbe la guerra contro il Covid.

E poi c'è Giuseppe Conte. L'idea di un vicepremier nonché segretario di un partito che è anche azionista, potrebbe oscurarlo nel giro di pochi mesi, soprattutto se poi il personaggio è anche un animale mediatico molto più efficace.

A conti fatti Zingaretti se non esce dalla Regione Lazio rischia di rimanerci e di perdere anche la segretaria del Pd. L'uscita sul doppio incarico e sulla stanchezza è solo un avvertimento agli amici del Pd: la “risposta è solo una questione di tempo”.

Loading...
Commenti
    Tags:
    zingarettizingaretti segretario pdfranceschinibonacciniconteregione laziodoppio incarico zingarettisegreteria pd




    Loading...





    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Stadio della Roma: la Corte dei Conti prepara la “mazzata” per il Comune

    Stadio della Roma: la Corte dei Conti prepara la “mazzata” per il Comune

    i più visti
    i blog di affari
    Private equity, venture capital, invoice trading. Finanza alternativa per PMI
    Greta V. Galimberti - Trendiest
    Ascolti tv, share pazzesco al 26%: Barbarella fa festeggiare Mediaset
    Francesco Fredella
    No al bonus Natale di 500 euro. Provvedimento illiberale e diseducativo
    Ernesto Vergani

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.