A- A+
Roma
Ecco la verità sul Numero Aureo, un mistero che dura da 4mila anni

Anche detto costante di Fidia, è uno dei misteri più antichi della matematica. Ricercato e studiato per quattromila anni, ha attraversato i secoli passando dagli egizi, agli etruschi, ai greci e ai romani. Usato dagli architetti fin dall'antichità e spesso ritrovato in alcune componenti del mondo naturale, tanto che viene da chiedersi se sia casuale o se ci sia una mano, forse divina, dietro. Questo è il viaggio che il professor Antonio Scarelli farà fare a chi assisterà alla sua lectio magistralis.

In occasione del suo 60esimo anniversario, l'Istituto Tecnico Leonardo Da Vinci ha deciso di organizzare una serie di eventi e iniziative. Per il mese di febbraio l'evento sarà proprio questa lectio magistralis dedicata a questo affascinante elemento della matematica, che sarà tenuta dal professor Scarelli, dell'Università della Tuscia. Appuntamento il 10 febbraio alle 11.

La storia del numero aureo

Il professore ripercorrerà la storia dall'antichità, con le prime teorie matematiche, al medioevo e al rinascimento, con le implicazioni che ha avuto nell'arte e nello studio dell'anatomia (per esempio Michelangelo la usò per dividere bene le dimensioni di falange, falangetta e falangina del dito di Adamo). E dopo aver ricordato gli elementi della natura in cui appare la sezione aurea (le pigne, gli ananas ecc), il professore parlerà dell'uso del numero aureo più recente (i mosaici aperiodici di Fechner, il “modulo d'oro” di Le Corbusier ecc).

Iscriviti alla newsletter
Tags:
4milaannimatematicamisteronumero aureoverità






Taxi introvabili a Roma, Nancy Brilli lasciata a piedi: l'accompagna il barman

Taxi introvabili a Roma, Nancy Brilli lasciata a piedi: l'accompagna il barman


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.