A- A+
Roma
Europee, il caos ai seggi di Roma vale 40 milioni. Ecco cosa è accaduto

Sembra un guasto momentaneo: impossibile accedere al server del del Dipartimento Trasformazione Digitale per caricare i risultato di ciascuna sezione elettorale. Quel guasto è diventato un tsunami che ha trascinato Roma nel ridicolo: l'intero apparato elettorale italiano si è bloccato. E pensare che l'appalto a Roma per le gestione dei sistemi informatici del Comune costa ogni anno 40 milioni di euro.

La brutta figura elettorale che ha trascinato Roma nel ridicolo non è ancora finita. L'avviso di “spoglio finito” è arrivato sì dopo più 12 ore dalla chiusura dei seggi ma è stato confermato che 78 sezioni di Roma hanno i verbali a zero voti. Questo significa che la macchina amministrativa dovrà affidarsi alla Corte d'Appello per la conta dei voti, misura che di solito viene usata per le schede contestate o i ricorsi. Un flop. Anzi, un megaflop clamoroso.

Il "caos digitale" ci costa 40 milioni di euro l'anno

E in questo scenario, il Comune di Roma ha omesso di svelare il prezzo che paga per l'appalto dei Servizi Digitali: 40 milioni di euro l'anno, gestiti direttamente dal Dipartimento Trasformazione Digitale che opera sotto il diretto controllo del Direttore Generale del Comune ed è affidato ad Enrico Colaiacono, sino al 2021 direttore dei servizi digitali del Poligrafico dello Stato. Una delega tecnica assunta dal Dg, Paolo Ajelli, che lavora si indicazione diretta del sindaco Roberto Gualtieri.

Guarda qui il video delle schede elettorali bloccate a Roma

Il software che manda in crisi i server "leggeri"

Ma cosa non ha funzionato nella folle notte delle “elezioni europee alla romana”? Tutto gira intorno a un software che si chiama Sipo ed è un gigante che per girare ha bisogno di serve ultrapotenti. Se il “signor Sipo” non trova un'infrastruttura tecnologi in grado di rispondere alle sue esigenze, va in crash e si inchioda. Lo sapevano tutti, poiché il Sipo è in uso ai Sistemi Anagrafici del Comune e da mesi sta rallentando le Carte d'identità. Tutti sapevano e tutti hanno taciuto, anche dei 5 esperti “software” riuniti in una stanza per ore al capezzale del programma moribondo. Cinque esperti , a fronte di un appalto milionario.

In croce è finito solo l'assessore Andrea Catarci

Ma “in croce” c'è finito solo l'assessore Andrea Catarci che già dalla notte più buia delle “elezioni alla romana” ha prestato la sua faccia per coprire le inefficienze del sistema. Al trasportare i plichi dai seggi al Seggio Centrale ci hanno pensato i taxi. Neanche l'Intelligenza Artificiale predittiva avrebbe potuto considerare uno scenario digitale apocalittico. Altro che bug invocato dal sindaco: l'intera infrastruttura tecnologica del Comune si è fermata.

Elezioni comunali: vanno al ballottaggio Civitavecchia, Palestrina e Tarquinia

Elezioni Europee, 40 persone intrappolate in un seggio per il tilt informatico

Elezioni Europee, sistema in tilt: lo scrutinio si ferma per colpa di Roma

 

 







Roma Pride, Annalisa fa impazzire i fan: "Sinceramente sarà il nostro inno"

Roma Pride, Annalisa fa impazzire i fan: "Sinceramente sarà il nostro inno"


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.