A- A+
Roma
Ex benestanti senza luce e gas. Inseguiti dalle bollette: morosi

Le bollette di luce e gas possono attendere. Prima c'è la spesa quotidiana, quella ape mangiare. E allora l'utenza diventa un debito spesso inesigibile, che si somma a quello della banca. Anche perché in tempo di crisi vale la regola: non si può togliere qualcosa a qualcuno che non ha niente.

az holding morosità roma 01
 

Debiti e ancora debiti, che vanno ben oltre il credito al consumo e che spesso rappresentano l'ultimo passo verso la povertà totale. In questa condizione, a sorpresa, dopo lo zoccolo duro dei disoccupati che rappresentano il 38 per cento del totale dei "rovinati dalla crisi", ci sono imprenditori e liberi professionisti. Ex ricchi, meglio benestanti, rappresentano il 25 per cento di tutta la popolazione indebitata, seguiti da dipendenti delle società private, pensionati che hanno sempre lavorato nel privato (12%) e, infine i pensionati pubblici.
Attenzione, però: il rapporto sui debiti degli italiani verso le multiutility redatto dal Gruppo AZ Holding, e cioè il focus su coloro che le bollette le pagano quando ci riescono, dice che Roma è la seconda città d'Italia dopo Napoli e che ben il 13,4 per cento della popolazione residente pone il pagamento dei servizi all'ultimo posto nella scala delle spese da coprire. Insomma, prima si mangia, poi ci si veste per quel che si può, pensa ai bambini chi ce l'ha e poi si pagano luce e gas. Ammesso che nel salvadanaio familiare resti qualcosa. E così di rinvio in rinvio, accade che si entri nella spirale del debito sino al punto da dover ricorrere all'espediente di una voltura ad altro soggetto per mantenere le utenze attive. Chi esce dai tabulati delle multiutility non ha nulla da dare e chi entra guadagna un po' di tempo e sopravvive.

az holding morosità roma 02
 

Scorrendo i darti dell'Osservatorio statistico, si scopre che il 58 per cento di chi vive difficoltà spesso insormontabili è rappresentato da uomini e il 42% da donne. Considerando che a Roma c'è una popolazione prevalente di donne, i numeri assoluti sono da brividi. Insieme ai disoccupati le donne sono la categoria più martoriata dall'impossibilità di far fronte alle spese familiari, tant'è che il dato del primo semestre 2015 rispetto al 2014, vede una crescita drammatica che arriva al 50 per cento.
Sul fronte dell'analisi anagrafica, la conferma di ciò che emerge dall'analisi delle categorie professionali: il 79 per cento di chi non ce la fa ha più di 40 anni mentre il 21 % per cento è al di sotto della soglia di mezza vita. Solita musica: chi può resta a casa dai genitori.
Spiega Carmine Evangelista, Ceo di Az Holding: "Nell'analisi del primo semestre e rispetto ai dati nazionali, siamo colpiti da una peculiarità del territorio relativa allo status del lavoratori morosi. E' infatti elevata la percentuale di persone morose con un posto di lavoro da dipendente o titolare di attività. Se da un lato questo pone in luce una particolare disattenzione verso la puntualità del pagamento, essendo soggetti che percepiscono reddito, allo stesso tempo evidenzia la possibilità di recupero delle somme a fronte di un'azione di sollecito al pagamento. I dati della città di Roma vede una diminuzione del campione di non occupati, imputabile probabilmente ad una lieve diminuzione  del campione di non occupati, ci fa ben sperare per la difesa".

SCARICA E LEGGI IL RAPPORTO NAZIONALE E IL FOCUS SU ROMA

Tags:
morosiec benestantiaz holdingbolletteutenze casacrisi economica
Loading...
Loading...




Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

i più visti
i blog di affari
In coda per le scarpe Lidl? Tutti schiavi dell'apartheid globale capitalista
L'OPINIONE di Diego Fusaro
L'incontenibile ascesa di Paola Donnini
Emergenza Covid? No, la nuova irreversibile normalità
L'OPINIONE di Diego Fusaro

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.