A- A+
Roma
Ex Provincia, bomba Corte dei Conti sul grattacielo Parnasi: “Danno da 107mln”

Palazzo ex Provincia, la bomba della Corte dei Conti sul grattacielo Parnasi: la magistratura contabile del Lazio ha quantificato un danno di "107.116.690 di euro per l’acquisto della nuova sede unica della Città metropolitana di Roma in località Eur Castellaccio", operazione immobiliare avvenuta quando l'ente era ancora la Provincia di Roma.

 

A scriverlo è il procuratore generale Andrea Lupi, nella sua relazione per l'inaugurazione dell'anno giudiziario 2020. Lo stabile è stato acquistato dal Gruppo riconducibile all'imprenditore Luca Parnasi, sotto processo per corruzione in relazione a presunte irregolarità che hanno caratterizzato i progetti del nuovo stadio dell'As Roma.

“Nell'ambito della più vasta indagine che ruota intorno alle vicende del Gruppo Parnasi e alla realizzazione dello stadio di Tor di Valle – spiega Lupi –, sono stati constatati rilevanti danni derivanti dalla concessione in uso ad amministrazioni ed enti pubblici di complessi immobiliari in proprietà delle società appartenenti al predetto gruppo a fronte di complesse e costosissime operazioni di 'cartolarizzazione'”.

Nella relazione della Corte dei Conti viene ricordato come per procedere all'acquisto "era stato istituito dalla ex Provincia di Roma un fondo immobiliare, gestito in conflitto d’interessi dalla stessa società di gestione del risparmio (s.g.r.) che amministrava l’invenduto Parnasi, e nel quale sono stati fatti confluire gli immobili di maggior pregio della Provincia a garanzia del pagamento del prezzo finale". E ancora, i giudici contabili sottolineano: "Il fondo ha prodotto fin dalla sua istituzione un importante squilibrio finanziario, per la cui copertura sono a rischio di vendita all’incanto tutti gli immobili pubblici conferiti al fondo".

La relazione annota anche "un danno quantificato in circa 20 milioni di euro derivante dal contratto di locazione di cosa futura, con opzione di acquisto, riguardante un edificio – sempre in località Eur–Castellaccio - realizzato da Parsitalia s.p.a. (Gruppo Parnasi) e destinato a nuova sede di Atac s.p.a., ma in realtà mai utilizzato dalla stessa".

Poco più di un anno fa la Corte dei Conti aveva indagato 105 tra tecnici e politici per un “buco” da 263 milioni nel bilancio dell’ex Provincia. Da Nicola Zingaretti a Ignazio Marino, passando per Virginia Raggi e Luca Parnasi, finirono tutti nel mirino della Guardia di Finanza. Anche in quella circostanza spuntò la cifra di 107 milioni: la Corte dei Conti chiese "l’immediata restituzione in favore dell’ex Provincia di Roma" di circa 263 milioni di euro, o comunque di una somma "non inferiore ai 107 milioni".

Loading...
Commenti
    Tags:
    ex provincia romaex provinciapalazzo ex provincialuca parnasicorte dei contigrattacielo parnasiandrea lupistadio roma




    Loading...






    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Il Comune di Roma fa miracoli: non basta 1 anno per revocare una concessione

    Il Comune di Roma fa miracoli: non basta 1 anno per revocare una concessione

    i più visti
    i blog di affari
    Violenza domestica, ospedale, avvocato e denuncia: l'iter per l'allontanamento
    Di Federica Mendola *
    Targa in memoria di Enzo Tortora: via Piatti e via Giangiacomo Mora a Milano
    Paolo Brambilla - Trendiest
    Lockdown, il senso dello "stringente" per Conte
    L'OPINIONE di Diego Fusaro

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.