A- A+
Roma
Falsi redditi di cittadinanza. Record dei nomadi a Frosinone: 37 truffatori

Carte false per ottenere il Reddito di cittadinanza. La Guardia di Finanza scova 37 truffatori, in altrettanti nuclei familiari, tra cui molti cittadini di etnia rom, divenuti stanziali.

In particolare, sono diverse le situazioni portate alla luce dai Finanzieri del Comando Provinciale di Frosinone, come quello di un cassinate la cui figlia, lavorava in nero in un negozio di parrucchiere e il cui reddito, evidentemente, non era stato indicato nella dichiarazione presentata all'Inps, allo scopo di abbassare l'indice di redditività.

In un altro caso di un imprenditore che aveva omesso di dichiarare il possesso delle intere quote di una società a responsabilità limitata per un valore di 10.000 euro e il cui figlio, facente parte del nucleo familiare, lavorava in nero, producendo un reddito non inserito nella dichiarazione presentata all'Ente di previdenza.

Una particolare circostanza emerge dal lavoro svolto dalle Fiamme Gialle ciociare: tra i 37 nuclei familiari che in maniera illecita ed indebita hanno percepito il reddito di cittadinanza, ben 26 sono costituiti da famiglie di etnia rom, ormai stanziali nel territorio della provincia di Frosinone, relativamente alle quali 26 persone, percettori del beneficio per un ammontare complessivo di 110.000 euro, sono state denunciate alla competente Autorità Giudiziaria. L'illecita percezione del reddito di cittadinanza, per i 26 cittadini di etnia rom denunciati, è stata realizzata attraverso la falsa dichiarazione, nell'istanza presentata all'Inps. delle possidenze mobiliari ed immobiliari oppure dalla indicazione di una composizione del nucleo familiare diversa da quella reale, omettendo di indicare parenti proprietari di beni immobili in maniera tale da eludere i divieti imposti dalla norma. Tutti i 37 denunciati sono stati segnalati al competente Ufficio dell'Inps per l'immediato blocco del beneficio e per il recupero delle somme di denaro illecitamente percepite.

L'intensificazione delle attività di contrasto all'economia sommersa e al lavoro nero, attuata anche attraverso l' azione di controllo economico del territorio, ha consentito di individuare l'illecita percezione del reddito di cittadinanza per un ammontare complessivo di 147.000 euro.

Le situazioni illecite, che hanno interessato nuclei familiari residenti nei Comuni di Frosinone, Cassino, Sora, Anagni, Castro dei Volsci e San Giovanni Incarico, sono state realizzate attraverso l'utilizzo di dichiarazioni o documenti attestanti situazioni non veritiere in ordine ai redditi posseduti, alla composizione del nucleo familiare, al possesso di immobili o autovetture, alla condizione lavorativa e, infine alla presenza di provvedimenti di natura giudiziaria.

Loading...
Commenti
    Tags:
    reddito cittadinanzaraetruffa raeguardia di finanzafrosinoneciocioariaromnomadi




    Loading...




    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    L'ombra di Forza Italia sull'università grillina: rivoluzione alla Link Campus

    L'ombra di Forza Italia sull'università grillina: rivoluzione alla Link Campus

    i più visti
    i blog di affari
    La bordata di Paola Ferrari alla Leotta: “Vuole dare ‘mmagine da Barbie...”
    Francesco Fredella
    Vince il sì, ma gli unici a poter brindare sono i neo-oligarchici liberisti
    FINANZIAMENTO SOCI - RINUNCIA DEI SOCI ALLA RESTITUZIONE - TASSABILITA'

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.