A- A+
Roma
Fase 3 e Dl semplificazione: gare con tetto a 5 mln, salta il banco delle Pmi

Il Decreto Semplificazione rischia di estromettere dal mercato le piccole e medie imprese attraverso il meccanismo delle gare affidate esclusivamente con procedura ad inviti. Alcune anticipazioni che riguardano, in particolare, la gestione degli affidamenti fino a 5 milioni, preoccupano Aniem Lazio e Confapi Lazio.

Dopo aver scritto al Ministro De Micheli chiedendo il rispetto dell’effettiva concorrenza nelle gare sotto soglia, tornano a lanciare l’allarme. Il Presidente di Aniem Lazio, Riccardo Drisaldi dichiara: “Avevamo già segnalato il rischio che questo nuovo Decreto potesse rappresentare per il nostro territorio un ulteriore grave lesione della trasparenza e della concorrenza; ora siamo ancor più sconcertati dalle ultime anticipazioni che vorrebbero eliminare le gare per gli appalti sotto la soglia europea, addirittura estendendo l’applicabilità dell’art. 63 del Codice Appalti (procedura negoziata senza pubblicazione di un bando di gara)”.

“A parte le considerazioni sulla conformità di tale scelta rispetto ai principi di diritto, non comprendiamo come si possa mistificare in questo modo il concetto di semplificazione – continua il Presidente di Aniem Lazio – perseguendo il solo obiettivo di distruggere la concorrenza da un settore economico fondamentale come quello degli appalti pubblici. Non possiamo che essere fortemente preoccupati per l’impatto che avrebbe nel Lazio una misura incomprensibile per quello che è il tessuto imprenditoriale della Regione”.

Anche il Presidente di Confapi Lazio, Massimo Tabacchiera ritiene che “il Governo non stia comprendendo le conseguenze di una scelta che non tiene minimamente conto di un tessuto produttivo territoriale caratterizzato da una presenza dominante e diffusa di micro, piccole e medie imprese. Come si fa a distruggere questo mercato? Eliminare le gare significa eliminare la meritocrazia, la sana competitività, l’ambizione ad investire ed a crescere, oltre ad aprire spazi inquietanti per la criminalità organizzata nell’ambito business degli appalti, tema che, purtroppo, è certamente da tenere presente e da contrastare nella nostra Regione, anche adottando misure preventive in grado di neutralizzarne la diffusione ”.

Uno scenario che avrebbe effetti devastanti a livello nazionale e nel Lazio, in particolare, tenuto conto della già crescente tendenza a limitare le procedure ordinarie ed a privilegiare le procedure negoziate.

Le due Associazioni sollecitano, quindi, un urgente ripensamento del Governo su una scelta che non potrebbe essere compresa e condivisa dal sistema delle Pmi. 

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    fase 3pmidecreto semplificazionegaregare e contrattiprocedure a invitoconcorrenzacodice degli appaltianiemconfapiconfapi lazioriccardo drisaldimassimo tabacchiera



    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    i più visti
    i blog di affari
    Attenzione: Fisco sospeso solo a metà
    LIBRI/ Il Grand Tour di Stefano Veraldi, dermatologo vagabondo
    Di Ernesto Vergani
    Vaccini obbligatori ai bambini, che cosa fare quando l'ex coniuge si oppone
    di Avv. Maria Grazia Persico*


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.