A- A+
Roma
Gay Pride, parata infuocata: i Vigili del Fuoco sfilano. Ma senza permessi

Anche quest'anno i Vigili del Fuoco sfileranno alla parata del Gay Pride di Roma del prossimo giugno. L'Usb VVF ha dato l'annuncio: “Ci saremo”.

 

Nonostante le polemiche dello scorso anno, sorte dopo che uno dei pompieri romani aveva marciato nella sfilata arcobaleno vestito con la divisa d'ordinanza, l'Unione Sindacale dei Vigili del Fuoco ha deciso di non mancare.

“In un clima politico fortemente incerto e instabile è necessario che le forze sociali e democratiche del nostro Paese intraprendano un comune percorso di azione, riaffermando con forza il valore dell’intersezionalità delle lotte. È quindi motivo di soddisfazione e di orgoglio – afferma Sebastiano Secci, portavoce del Roma Pride – avere anche quest’anno il supporto di una componente così importante del Corpo dei Vigili del Fuoco, perché dimostra quanto i valori del Pride superino i confini della comunità LGBT+, per diventare di tutte e tutti”.

A settembre dello scorso anno, i sindacati avevano raccolto 50mila firme per chiedere all'allora ministro Marco Minniti di bloccare le misure disciplinari a carico del collega vigile del fuoco. A Costantino Saporito era stato contestato di aver “esposto a pubblico ludibrio” l'uniforme, sfilando senza essere stato autorizzato.

E anche quest'anno i Vigili del Fuoco dell'Usb si muoveranno senza autorizzazioni. “Ci dispiace che il dipartimento a cui abbiamo scritto una nota ufficiale diversi mesi fa ancora non ci abbia dato una risposta ma è tempo di lottare perché le cose cambino: la resistenza è lotta”, ha dichiarato Costantino Saporito, Coordinatore nazionale USB VVF.

“Usb Vigili del Fuoco sarà presente e si unirà alla Brigata Arcobaleno. Ormai per noi è impossibile mancare ad un evento che fa della nostra storia. Non si possono avere diritti nei luoghi di lavoro senza i diritti della persona così come non si può pensare che i diritti della persona si fermino sulla soglia del luogo di lavoro – ha continuato Saporito - Siamo ancora lontani da una vera società libera basata sulla libertà dell'individuo. Di contro siamo ancora immersi in una società dove il diverso fa paura e l'immigrato è visto come un nemico ed è per questo che riaffiorano la xenofobia e i fascismi”, ha concluso.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
roma pridegay prideusbvigili del fuocolgbtlgbtqiparatagayroma



Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

i più visti
i blog di affari
Draghi, l’Ue e il neoliberismo che uccide la classe operaia
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Zaino sospeso: l'iniziativa continua
Vaccino, Camilla Canepa morta: cade la formula "nessuna correlazione"
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.