A- A+
Roma
Guerra dei tamponi, vince la Regione Lazio: test vietati ai centri privati

Coronavirus, la guerra dei tamponi tra l'assessore alla Sanità Alessio D'Amato e laboratori di analisi privati la vince la Regione Lazio.

Il Consiglio di Stato, con il decreto cautelare monocratico depositato venerdì, in riforma dell’ordinanza cautelare del Tar, ha infatti stabilito che i centri diagnostici privati non possono eseguire i tamponi, in quanto tale attività di analisi e tracciatura è stata affidata dalla Regione, in esclusiva, al servizio diagnostico pubblico tramite la rete d’eccellenza Coronet Lazio. La rete Coronet “è idonea a gestire, tracciare, elaborare la sottoposizione a test senza che l’auspicato contributo privato sia di decisiva utilità”.

L’esistenza dei falsi positivi e negativi, infatti “deve condurre a un impegno sempre più forte per ridurne la percentuale” e ciò “appare realizzabile meglio e in più breve tempo se il sistema dei test sia concentrato in una rete di presidi per lo più pubblici, di grandi dimensioni, ovvero sedi di corsi universitari, con la guida - di assoluta e indiscussa affidabilità - all’ISMI Spallanzani”. Tale scelta risulta legittima in quanto risponde “ad esigenze di prioritario interesse generale” e ragionevolmente giustifica la scelta di “concentrazione nel Coronet Lazio della effettuazione, tracciatura, elaborazione di tale tipo di test anti Covid-19”. La discussione collegiale del merito è già fissata per il 16 luglio 2020.

Il ricorso, al vaglio del Consiglio di Stato, era stato proposto dalla Regione Lazio contro Artemisia spa. Per i giudici amministrativi, "risulta agli atti, senza convincenti smentite, che il sistema Coronet Lazio ha aumentato, come i dati statistici settimanali dimostrano, in modo esponenziale nelle settimane il numero assoluto dei test e la percentuale tamponi/numero dei cittadini, nonchè ha ridotto, fino a due giorni, il tempo occorrente per il test. Ciò, se comparato al trend di contagi fortunatamente decrescente della Regione Lazio, offre argomenti a favore della tesi per cui la contestata rete Coronet è idonea a gestire, tracciare, elaborare la sottoposizione a test senza che l'auspicato contributo privato sia di decisiva utilità per il conseguimento degli obiettivi generali stabiliti". E ancora: "L'esistenza, non negata dall'appellante, di falsi positivi e negativi, deve condurre a un impegno sempre più forte per ridurne la percentuale, il che, senza che sia stato opposto un argomento decisamente convincente, appare realizzabile meglio e in più breve tempo se il sistema dei test (primo, secondo tampone ed eventuale approfondimento) sia concentrato in una rete di presidi per lo più pubblici, di grandi dimensioni, ovvero sedi di corsi universitari, con la guida, di assoluta e indiscussa affidabilità, all'Ismi Spallanzani".

Per il Consiglio di Stato, "la fruizione della rete Coronet viene sottolineata anche come strumento indefettibile per la cosiddetta tracciatura dei flussi di dati, allo scopo essenziale di ricerca precoce di eventuali nuovi focolai, di elaborazione dei dati raccolti e successiva trasmissione al Ministero della Salute per poi alimentare la banca dati dell'Oms". In altri termini, "il valore aggiunto che, per il Coronet Lazio, può giustificare, ad oggi, la contestata limitazione, è il pregio indubbio di un sistema in cui si centralizzano, con una canalizzazione governata in entrata e in uscita, in un circuito omogeneo e di elevato valore scientifico pubblico, la raccolta degli esiti, la ripetizione e gli ulteriori approfondimenti ove occorrenti, la tracciatura, la comunicazione 'unitaria' ad enti nazionali e internazionali, e ciò partendo dal dato iniziale dei kit e della elaborazione con le macchine utilizzate, a fini di omogeneità dei parametri di riferimento e di 'affinamento dei risultati' per ridurre la percentuale di falsi positivi e negativi".

Loading...
Commenti
    Tags:
    tamponicoronaviruscoronavirus lazioregione lazioalessio d'amatoconsiglio di statotamponi privaticentro analisi tampone




    Loading...




    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Ryder Cup 2022: il Golf è quella malattia che guarisce dalle malattie vere

    Ryder Cup 2022: il Golf è quella malattia che guarisce dalle malattie vere

    i più visti
    i blog di affari
    Covid 19, Gaber si chiederebbe: cos'è la destra, cos'è la sinistra?
    L'opinione di Massimo Puricelli
    Call center, reportage di Luna contro gli operatori telefonici. Non sul lavoro
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Eccellenze Campane e Verace Sudd: anche a Milano arriva la pizza nel ruoto
    Paolo Brambilla - Trendiest

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.