A- A+
Roma
I tattoo sono arte, il corpo una tela. Manzo sbarca alla Biennale di Venezia

Il tattoo come forma d'arte, capace di racchiudere pittura scultura e architettura, i copri umani una tela. Marco Manzo sbarca alla Biennale di Venezia Architettura.

 

Al Padiglione Nazionale Guatemala arriva la performance “Stigma- Il segno”. Dopo aver confluito nel design e nella scultura già presenti con l’installazione ambientale di cui Manzo è autore, il segno diventa ornamento della struttura portante del corpo umano, ovvero la colonna vertebrale, su cui verrà incisa una linea retta di colore rosso, traccia indelebile che sarà propria in tale occasione di una delle mannequin più note al mondo, Maria Carla Boscono.

A dare testimonianza di come pittura, scultura, architettura siano tutte figlie del disegno, poiché generate da quest’ultimo sarà la performance “Stima-Il segno” di Marco Manzo, designer, scultore e tatuatore, che si svolgerà il 29 ottobre alle ore 11 all’interno del Padiglione Guatemala, nell’ambito della 16.Biennale di Venezia Architettura. L

L’artista tra l’altro è già partecipante a questa edizione della Biennale, nel Padiglione Guatemala, con una installazione composita che accoglie una monumentale scultura-struttura, delle lastre tatuate e due progetti architettonici, laddove ogni elemento è contraddistinto da quel segno primordiale che rinvia alle tradizioni e alla cultura guatemalteca, in uno stretto rapporto di richiami e continuità. La performance “Stigma- Il segno” farà si che quest’ultimo, dopo aver confluito nel design e nella scultura già presenti con l’installazione ambientale di cui Manzo è autore, divenga ornamento della struttura portante del corpo umano, ovvero la colonna vertebrale, su cui verrà incisa una linea retta di colore rosso, traccia indelebile che sarà propria in tale occasione di una delle mannequin più note al mondo, Maria Carla Boscono. Durante lo svolgimento della performance, alcune indossatrici “vestiranno” lo stile ornamentale, già presente in forma statica sulle opere esposte, in un intreccio tra organico e inorganico, vita e morte, generando così un’onirica rappresentazione dell’effimero che incontra l’imperituro. Alle ore 11.30, si terrà una conferenza durante la quale l’artista presenterà il “Manifesto del tatuaggio ornamentale”, stilema di cui è fondatore e precursore.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    tattooartepitturasculturaarchitetturamarco manzobiennale di veneziaroma



    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    i più visti
    i blog di affari
    Green pass, arriva il 15 ottobre: l'Italia dice addio alla propria libertà
    L'OPINIONE di Diego Fusaro
    Pancani: “Draghi al Quirinale? Una garanzia per l’Europa”
    Cgil comica, difende il lavoro ma accetta l'infame tessera verde
    L'OPINIONE di Diego Fusaro


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.