A- A+
Roma
L'olio d'oliva contro il fegato grasso: ricetta anti-obesità del Bambino Gesù

L'olio di oliva è un alleato prezioso contro l'obesità dei bambini. Lo dimostra uno studio condotto da medici e ricercatori dell'Ospedale Pediatrico Bambino Gesù e pubblicato sulla più importante rivista scientifica del settore, “Antioxidant and Redox Signaling”.

 

In particolare l'idrossitirosolo, una sostanza contenuta nell'olio di oliva, migliora lo stress ossidativo, l'insulino resistenza e la steatosi epatica nei bambini obesi e affetti da fegato grasso.

L'obesità è uno dei principali problemi mondiali sia nei bambini che negli adolescenti. L'aumento del numero dei bambini con sovrappeso e obesità nei Paesi industrializzati ha portato al parallelo aumento di casi di fegato grasso o steatosi epatica non alcolica (NAFLD). Negli ultimi vent'anni infatti la steatosi ha raggiunto proporzioni epidemiche anche tra i più piccoli diventando la patologia cronica del fegato di più frequente riscontro nel mondo occidentale. In Italia si stima che ne sia affetto circa il 15% dei bambini, ma si arriva fino all'80% tra i bambini obesi.

Tra le cause del fegato grasso c'è l'aumento dello stress ossidativo che le cellule subiscono come conseguenza dell'obesità. Per stress ossidativo si intende qualsiasi condizione patologica causata dalla rottura dell'equilibrio fisiologico fra la produzione e l'eliminazione, da parte dei sistemi di difesa antiossidanti, di sostanze chimiche ossidanti. Queste sostanze possono essere misurate nel sangue dei bambini e in questo studio ci si è avvalsi dell'esperienza del dipartimento di chimica biologia e farmacologia dell'Università di Messina.

Quello condotto dai medici del Bambino Gesù è il primo trial pediatrico con l'uso dell'idrossitirosolo, un fenolo dell'olio di oliva con elevato potere antiossidante. I fenoli sono infatti dei composti chimici presenti in diversi alimenti e bevande (olio, vino, ecc.) capaci di inibire i processi ossidanti. L'olio d'oliva è l'ingrediente principale della dieta mediterranea, un regime alimentare i cui benefici sono stati più volte dimostrati. Il problema è che per avere il desiderato effetto antiossidante sarebbe necessario usare grosse quantità di olio d'oliva col serio rischio di diventare obesi, poiché l'olio d'oliva è molto calorico. Ma fortunatamente oggi è possibile usare, grazie ai progressi della tecnologia farmaceutica, solo le sostanze antiossidanti dell'olio d'oliva (come appunto l'idrossitirosolo) senza avere l'effetto calorico ma solo gli effetti benefici.

"Questi prodotti assolutamente naturali - spiega il professor Valerio Nobili, responsabile di epatologia, gastroenterologia e nutrizione del bambino Gesù - possono essere integrati nella dieta dei bambini obesi per combattere le complicanze dell'obesità come lo stress ossidativo (invecchiamento cellulare, danno delle pareti delle arterie e vene) l'insulino resistenza e la steatosi epatica".

Lo studio ha coinvolto 80 bambini obesi e con fegato grasso e suddivisi in due gruppi da quattro. A un gruppo è stato somministrato l'idrossitirosolo (in dosi da 7 mg al giorno), all'altro un placebo. A quattro mesi di distanza e senza modificare il regime alimentare è stato possibile osservare tre importanti risultati nel gruppo trattato: il grande miglioramento dei parametri di stress ossidativo (problema risolto in 3 bambini su 4); il miglioramento dell'insulino resistenza; il miglioramento della steatosi epatica che nel 60% dei casi si è risolta. "Lo studio ha evidenziato le ottime capacità antiossidanti e antisteatosiche dell'idrossitirosolo", dice Nobili. "Sostanza che se usata nei dosaggi testati riduce l'insulino resistenza (primo step verso il diabete tipo II) senza causare aumenti di peso - continua - al contrario dell'olio di oliva “intero” che è molto calorico. L'idorossitirosolo viene assunto in perle facilmente assumibili dai bambini e non presenta problemi di palatabilità o di effetti collaterali (essendo una sostanza naturale). Può essere prescritto da tutti i pediatri che curano bambini con obesità e fegato grasso".

Commenti
    Tags:
    olio d'olivabambino gesùobesitàfegato grassostudimedicinasalute




    Loading...



    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Omicidio Vannini: 14 anni ad Antonio Ciontoli, 9 alla famiglia. La sentenza

    Omicidio Vannini: 14 anni ad Antonio Ciontoli, 9 alla famiglia. La sentenza

    i più visti
    i blog di affari
    Ennesimo inciampo di Johnson specchio della crisi del Regno Unito
    Ernesto Vergani
    UK-Italia: il legame resiste all’impatto del Covid
    Bepi Pezzulli
    "Parterre de rois" per la presentazione del libro di Giampaolo Berni Ferretti

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.