A- A+
Roma
La stangata della Tari a settembre, ma non incassa Ama: è allarme liquidità

Al ritorno dalle vacanze nel segno del Covid-19, l'amara sorpresa che tanto sorpresa non è. Giusto il tempo di disfare le valige che dalla buca della posta spunterà la bolletta dei rifiuti. Quella tari che i romani odiano non solo per l'importo tra i più alti d'Italia ma perché al pagamento non corrisponde ormai da anni un servizio dignitoso.

Ad avvisare i romani dell'arrivo della tassa ci ha pensato direttamente il Comune che ha spedito un graziosa lettera ai più virtuosi, a coloro cioè che pagano la Tari così puntuali da aver affidato il pagamento alla propria banca attraverso l'addebito automatico sul conto, la cosiddetta domiciliazione bancaria.

ama tari
 

Bene, dal mese di settembre non potranno farlo più, perché da quest'anno sarà direttamente il Comune di Roma a riscuotere la tassa attraverso il sistema Pago PA, le cui modalità esatte saranno contenuto nell'avviso di pagamento che spedirà appunto Roma Capitale che avverte i “virtuosi” di dare notifica immediata alla banca della cessazione dell'addebito.

Per Ama si accende un semaforo rosso sulla liquidità, poiché per sostenere i conti e il piano di rientro dovrò attendere per forza che il Comune versi le quote di spettanza previste dal contratto di Servizio.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    taritassa rifiutivacanzecovid-19tassa sui rifiutibollettini amaamacomune romapago pa



    Casapound sfida la Polizia e il Pd: “Manganellate e lacrimogeni senza motivo”

    Casapound sfida la Polizia e il Pd: “Manganellate e lacrimogeni senza motivo”

    i più visti
    i blog di affari
    Quirinale, il dopo Mattarella: a Palazzo Chigi serve Draghi o un suo affine
    L'OPINIONE di Ernesto Vergani
    Il 25° brano dei Jalisse presentato al Festival di Sanremo 2022
    CasaebottegaJalisse
    Relazione extraconiugale, la mia amante sa che sono single. Rischio un reato?
    di Avv. Francesca Albi*


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.