A- A+
Roma
La Storia a Processo, Mecenate assolto dal pubblico: fu patrono, non padrone

Il pubblico dello spettacolo “La Storia a Processo” ha assolto Mecenate: fu patrono e non padrone. Questo il verdetto del pubblico del Teatro Parioli, in cui il 21 marzo si è svolta la rappresentazione. Anche stavolta un nuovo successo per il format teatrale ideato da Elisa Greco.

Il verdetto finale emesso dal presidente della corte, il magistrato Fabrizio Gandini, è stato che Mecenate non ha commesso né i reati di estorsione né quello di asservimento degli artisti. “Certamente il verdetto era facilmente prevedibile - ha detto Greco - ma ancora una volta la provocazione ha colpito nel segno: al centro del piacevole dibattimento, seguito anche con grande partecipazione e vivace interesse dai ragazzi della Luiss, è stato il ruolo della cultura per la crescita della società”.

Le tesi dell'accusa

Inutili sono state le tesi dell'accusa. Il pm, interpretato dall'avvocato Pietro Pustorino riteneva l'approccio di Mecenate come criminale nei confronti dell'arte, poiché la poneva al servizio del potere. Sulpicia, interpretata da Susanna Sparaco, ha tentato invece di accusarlo di aver ignorato il suo talento solo perché era una donna.

Le tesi della difesa

I testimoni della difesa, Patrizia Asproni e Giancarlo Leone hanno attribuito le accuse alla mera invidia verso Clinio Mecenate, senza contare che senza di lui non avremmo avuto grandi capolavori. L'avvocato Maurizio Bellacosa ha invece escluso il reato di estorsione: non c'era costrizione, non c'era limitazione alla libertà di espressione, non c'era arricchimento e ancora oggi Mecenate è visto come simbolo di pace, condivisione e di persona che supporta l'arte.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
assoltolamecenatepadronepatronopubblicostoriastoria a processo






Il sì senza veli al mare: vola l'immobiliare, romani pazzi per San Vero Millis

Il sì senza veli al mare: vola l'immobiliare, romani pazzi per San Vero Millis


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.