A- A+
Roma
Mafia Capitale, confiscato il tesoro di Buzzi e Carminati: valeva 27 milioni

Mafia Capitale, confiscato il tesoro di Salvatore Buzzi, Massimo Carminati ed altri sei imputati del Mondo di Mezzo: tra ville, opere d'arte, società, terreni e veicoli, sequestrati beni per 27 milioni di euro.

La confisca definitiva di una serie di beni, da parte dei militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Roma, riconducibili, direttamente o indirettamente, è avvenuta venerdì mattina. Il provvedimento riguarda, oltre a Buzzi e Carminati, anche Riccardo Brugia, Roberto Lacopo, Agostino Gaglianone, Fabio Gaudenzi, Cristiano Guarnera e Giovanni De Carlo.

La confisca rappresenta l’epilogo delle indagini patrimoniali svolte nei confronti degli indagati e dei loro “prestanome”, delegate dalla Dda di Roma al nucleo di Polizia Economico-Finanziaria. E gli specialisti del G.I.C.O. hanno ricostruito il “curriculum criminale” degli indagati, accertando la sussistenza dei requisiti di “pericolosità sociale” e della rilevante sproporzione tra i redditi dichiarati e i patrimoni accumulati nel tempo.

Questo procedimento, avviato dalla sezione 'misure di prevenzione' del tribunale, ha viaggiato in parallelo rispetto all'iter giudiziario ordinario. Alla fine, la Cassazione ha dichiarato inammissibili i ricorsi delle parti e ha reso definitiva la confisca di 4 società che operano nei settori immobiliare e del commercio di prodotti petroliferi; 13 unità immobiliari e un terreno tra Roma e  provincia; 13 automezzi; 69 opere d’arte di importanti esponenti della seconda metà del XX secolo (Pop Art, Nouveau Réalisme, Futurismo e Surrealismo); e numerosi rapporti finanziari.

All'ex militante dei Nar Massimo Carminati, in particolare, sono state confiscate, tra l’altro, la villa di Sacrofano e opere d’arte per un valore stimato di oltre 10 milioni di euro. Un’altra villa, nella stessa località, è stata affidata in comodato d’uso gratuito, per vent’anni, all’Asl Roma 4 per la realizzazione di una importante struttura sociosanitaria per aiutare le famiglie di pazienti con autismo. Per l'ex titolare di alcune cooperative Salvatore Buzzi, la confisca riguarda due immobili a Roma nonché le quote e il patrimonio di due società, per un valore stimato di oltre 2,6 milioni di euro.Indipendentemente dall’esito del giudizio penale, la confisca di beni è stata disposta anche a carico di alcuni 'uomini di fiducia' di Carminati, come Brugia e Gaudenzi, e degli imprenditori Lacopo, che gestiva il distributore di carburante di Corso Francia, luogo di ritrovo del sodalizio, Gaglianone, Guarnera e De Carlo.

Loading...
Commenti
    Tags:
    mafia capitalemondo di mezzosalvatore buzzimassimo carminatiriccardo brugiaroberto lacopoagostino gaglianonefabio gaudenzicristiano guarneragiovanni de carloprocesso mondo di mezzoguardia di finanza




    Loading...





    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Roma, Virginia Raggi dà il premio Covid ai Comunali, una tantum da 922 euro

    Roma, Virginia Raggi dà il premio Covid ai Comunali, una tantum da 922 euro

    i più visti
    i blog di affari
    Giornata contro la violenza sulle donne: questo giorno è tutti i giorni
    L'opinione di Antonella Gramigna
    La cultura può cambiare gli uomini: così si combatte il femminicidio
    di Maurizio De Caro
    A.L. Assistenza Legale spiega cosa sia il Codice Rosso
    Avv. Anna Cinzia Pani - A.L. Assistenza legale

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.