A- A+
Roma
Mafia nelle imprese: accordo anti criminali tra Prefetto e Camera di Commercio

Tutelare efficacemente l'economia legale e precludere alle organizzazioni criminali ogni spazio di agibilità nel contesto produttivo locale, già fortemente segnato dall'emergenza Coronavirus ancora in atto.

Questo l'obiettivo perseguito dalla Prefettura e dalla Camera di Commercio di Roma che oggi, 30 luglio, hanno sottoscritto un protocollo d'intesa con il quale viene rafforzata l'attività di intelligence svolta dal gruppo interforze antimafia per contrastare la propensione dei sodalizi mafiosi che, soprattutto in questo ambito metropolitano, preferiscono, al controllo del territorio, l'ingerenza nel tessuto imprenditoriale ove inabissare e rendere fruttiferi i propri capitali illeciti.

A tale scopo la Camera di commercio di Roma metterà a disposizione della Prefettura e delle forze di polizia una piattaforma informatica, denominata Regional explorer (Rex), che consentirà di conoscere meglio le dinamiche interne alla vita delle imprese che operano sul territorio. Tali informazioni, relative in particolare agli assetti proprietari spesso mutevoli, alle eventuali criticità economico-finanziarie, e ad altri possibili eventi pregiudizievoli, adeguatamente elaborate permetteranno di rilevare i segnali di allarme sull'esposizione delle aziende al rischio di penetrazione mafiosa, e avviare tempestivamente, oltre alle ordinarie attività di indagine a cura delle forze di polizia, una adeguata azione di prevenzione.

“In questo momento di crisi eccezionale - dichiara in una nota Lorenzo Tagliavanti, presidente della Camera di commercio di Roma - l'istituzione camerale capitolina mette a disposizione della Prefettura e, quindi, delle forze dell'ordine un sistema innovativo di indagine e di intelligence. Lo sviluppo dei fenomeni criminosi si è ulteriormente aggravato con l'avvento della crisi Covid-19, che sta avendo pesantissime ripercussioni sulle imprese della Città metropolitana di Roma. Per questo, è necessaria una risposta pronta e condivisa da parte delle Istituzioni”.

Per il Prefetto di Roma, Gerarda Maria Pantalone, “è un passo importante che auspico possa realizzarsi anche nelle altre province del Lazio. La sinergia tra le istituzioni e il mondo delle imprese assume, ancor più in questo momento storico, una valenza strategica a sostegno delle attività economiche in una cornice di sicurezza e legalità”.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    mafiaimpreseimprese romaprefetto romagerarda pantalonecamera di commerciocamera di commercio di romalorenzo tagliavanti



    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    i più visti
    i blog di affari
    Trieste, repressa la protesta pacifica: l'immagine del golpe globale
    Attenzione: Fisco sospeso solo a metà
    LIBRI/ Il Grand Tour di Stefano Veraldi, dermatologo vagabondo
    Di Ernesto Vergani


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.