A- A+
Roma
Mascherine obbligatorie, il Tar boccia Zingaretti: “Sua ordinanza è superata”

Coronavirus, il Tar del Lazio si rivela uno dei più acerrimi nemici di Nicola Zingaretti durante la pandemia: dopo quella sul vaccino obbligatorio, il Tribunale amministrativo regionale ha bocciato anche l'ordinanza sull'uso delle mascherine all'aperto del presidente della Regione, definendo il suo contenuto “superato dal Dpcm Conte del 13 ottobre 2020”.

Accolte così le richieste del Codacons e di Vittorio Sgarbi: nel dettaglio, la sezione Terza Quater del Tribunale amministrativo ha infatti ritenuto superata l'Ordinanza del Presidente della Regione Lazio del 2 ottobre 2020 n. Z00062 in cui disponeva l'obbligo, su tutto il territorio regionale, di indossare la mascherina nei luoghi all'aperto, durante l'intera giornata, anche quando si era in condizione di totale isolamento, ad esempio in un bosco o in una strada deserta.

Scrivono i giudici del Tar nella sentenza: “Considerato che l’ordinanza impugnata della Regione Lazio (2 ottobre 2020) prescrive l’obbligo di indossare la mascherina anche all’aperto, con riguardo al territorio regionale, durante l’intera giornata e senza distinzione alcuna; il successivo DPCM 13 ottobre 2020, adottato in forza del decreto legge n. 125 del 7 ottobre 2020, prescrive il medesimo obbligo, in tutti i luoghi all’aperto e su tutto il territorio nazionale, ma 'a eccezione dei casi in cui, per le caratteristiche dei luoghi o per le circostanze di fatto, sia garantita in modo continuativo la condizione di isolamento rispetto a persone non conviventi'. Il DPCM da ultimo citato reca dunque un obbligo maggiormente circoscritto rispetto a quello imposto (in modo più generalizzato) dall’ordinanza regionale qui impugnata: ed infatti, mentre quest’ultima riguarda indistintamente tutti i luoghi e tutte le situazioni, il DPCM esenta da tale obbligo (mascherina anche all’aperto) quei luoghi o quelle particolari situazioni (es. strada pressoché deserta) ove il contatto tra persone non conviventi sia sostanzialmente da escludere (c.d. 'isolamento sostanziale”'. Il successivo DPCM, qualora finalizzato a disciplinare gli stessi ambiti materiali, è così destinato a superare o a far caducare pregressi interventi regionali. Di qui il semplice superamento, delle medesime previsioni regionali, per mano del successivo DPCM 13 ottobre 2020 il quale ha funditus disciplinato il tema relativo all’obbligo di utilizzo di mascherine all’aperto. Nella direzione sopra indicata il ricorso deve dunque essere dichiarato improcedibile per sopravvenuta carenza di interesse, atteso che le censure in esso previste si concentrano sulla ritenuta illegittimità di regole non più vigenti per tutte le considerazioni sopra evidenziate”.

Loading...
Commenti
    Tags:
    mascherine obbligatorieobbligo mascherinecodaconsvittorio sgarbiricorso tartartar lazioregione laziocoronavirusnicola zingarettiordinanza regione laziodpcm conte




    Loading...





    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Coronavirus, la grande abbuffata della Raggi. Anche all'Atac il premio Covid

    Coronavirus, la grande abbuffata della Raggi. Anche all'Atac il premio Covid

    i più visti
    i blog di affari
    Il Decreto Ristori Quater. La sintesi di Alessia Potecchi, del PD di Milano
    Paolo Brambilla - Trendiest
    Umberto La Morgia. Diretta Facebook “La tutela della vittima, Oltre il Genere”
    Redazione Trendiest News
    Proroga rottamazione: soddisfazione di Camera Civile Salentina

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.