A- A+
Roma
Medici extra Ue, la Fials: “Così ci guadagna solo il sistema delle Coop”

Medici, infermieri e tecnici da Paesi non Ue, la Fials di Roma denuncia la scelta di affidare al sistema delle Coop il reclutamento, mentre “assistiamo a una fuga all'estero delle professionalità italiane”.

Scrive la segreteria Fials in una nota: “E’ davvero increscioso per la nostra eccellenza sanitaria assistere alla possibilità che invece di incrementare l’accesso dei nostri operatori all’interno del servizio assistenziale si provveda a stringere accordi con le cooperative per ingaggiare medici, infermieri e tecnici provenienti da Paesi extra Ue. Ma non era l’Italia nel passato più prossimo a formare grandi professionisti”?

La fuga delle professionalità dall'Italia

“I nostri giovani professionisti si sono trasferiti all’estero perché qui non riuscivano ad accedere al SSR e SSN considerando la penuria di concorsi allora oggi, per sopperire alla fuga di quelle carriere si procede contrattualizzando cittadini da fuori Europa. Ci chiediamo – precisa la nota - cosa possa rispondere l’Ordine dei Medici, la Regione, le diverse Aziende sanitarie locali, ospedaliere e universitarie dinanzi a quella che dopo la prima infornata dell’Emilia Romagna, potrebbe vedere la seconda proprio nel Lazio”. 

“Ed è proprio all’istituzione regionale che chiediamo cosa ne è della graduatoria dei vincitori di concorso ed idonei espletata ma non ancora esaurita. Le normative vigenti non consentono alle Coop l’ennesima intermediazione di manodopera soprattutto se ci sono professionisti in lista con il titolo di concorso. Oltre al fatto che – prosegue la nota - con le risorse dell’erario pubblico si andranno a retribuire le cooperative senza controllare quale tipo di contratto verrà stipulato ai medici e soprattutto quale professionalità costoro vantino”.

La Regione Lazio faccia chiarezza sulle assunzioni al San Giovanni

“Chi sarà deputato alla selezione di queste professionalità? Chi in grado di controllare i titoli e l’esperienza sul campo? Vorrà dire che sempre con le risorse dell’erario pubblici i medici delle coop si avvarranno delle professionalità preesistenti nei nostri nosocomi per farsi il curriculum e l’esperienza necessaria. Aspettiamo che la Regione Lazio faccia chiarezza sul metodo e sulla tempistica di assunzione di medici provenienti da Africa, Asia, Sud America e Paesi Arabi, e che – chiosa la nota Fials - blocchi immediatamente la manifestazione di interesse per il reclutamento di medici stranieri extra Ue del San Giovanni Addolorata”.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
fialsmedici extra uemedici stranieriospedale san giovannisanità






Tre tunisini minorenni in fuga dal carcere romano di Casal del Marmo: scatta la caccia all'uomo

Tre tunisini minorenni in fuga dal carcere romano di Casal del Marmo: scatta la caccia all'uomo


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.