A- A+
Roma
Muore al Grassi di Ostia dopo operazione alla tibia. La Regione apre un Audit

Muore per un'infezione dopo esser stato operato alla tibia: è caos all'ospedale Grassi di Ostia. L'uomo, 56 anni, si era fratturato la gamba inciampando causalmente, ed era stato trasportato in pronto soccorso alla fine dello scorso agosto. Nella struttura di Ostia si era sottoposto ad un intervento di ricostruzione, al quale sono seguite però una serie di complicazioni che si sono rivelate poi fatali.

 

Secondo le prime ipotesi il paziente sarebbe morto in seguito ad una sepsi scaturita successivamete all'intervento chirurgico, conclusosi positivamente secondo i medici. Le condizioni  di salute dell'uomo sono infatti peggiorate dopo l'operazione, prima con febbre e tremori e poi con il diffondersi dell'infezione e il decesso. Sulla tragedia ha così aperto un'inchiesta la Procura con l'ipotesi di omicidio colposo, seppur senza indagati. I familiari, dal canto loro, accusano i medici di non aver usato tutte le accortezze dovute durante il decorso post operatorio. Alla Procura fa eco la Regione Lazio, che accende i riflettori della vicenda e, attraverso una nota, chiede una valutazione clinica del caso: “La Regione Lazio ha disposto l’apertura di un audit sul caso del decesso di un uomo di 56 dopo un intervento alla tibia presso l’ospedale Grassi di Ostia - si legge nel comunicato - In merito ha chiesto alla Direzione dell’Azienda una relazione dettagliata sulla vicenda utile a capire se sono state messe in atto tutte le procedure cliniche previste”.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
mortedecesoospedalegrassiostiaoperazionefratturatibiaindagineprocuraregioneromaaudit



Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

i più visti
i blog di affari
Covid, l'Italia? Laboratorio del capitalismo terapeutico su scala planetaria
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Lo Sportivo Straniero in Italia: Importante Convegno
Mascherina all'aperto, simbolo dell'alienazione e uniforme dei sudditi
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.